Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Interrogazione parlamentare: è giusto intitolare una strada di Roma a Stefano Cucchi?

Polizia Penitenziaria - Interrogazione parlamentare: è giusto intitolare una strada di Roma a Stefano Cucchi?


Notizia del 13/11/2014 - ROMA
Letto (1885 volte)
 Stampa questo articolo


A distanza di settimane dalla sentenza d’assoluzione decisa dai giudici della Corte d’assise d’appello di Roma, non accennano a placarsi le polemiche sulla morte di Stefano Cucchi, il geometra romano di poco più di trenta anni morto mentre era sotto custodia della Stato.

Dopo prese di posizione, sit in e fiaccolate per tenere alta l’attenzione (attenzione sottolineata dallo stesso Procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone che, storia di una manciata di giorni fa, aveva assicurato alla famiglia della vittima una nuova e più attenta lettura dei faldoni del processo) ora arriva anche un’interrogazione parlamentare (che vede come primo firmatario l’ex ministro Carlo Giovanardi) sulla necessità di intitolare una piazza della Capitale alla memoria dello stesso Cucchi. Un’iniziativa caldeggiata a caldo da Ignazio Marino che aveva fatto insorgere i familiari delle vittime del dovere (poliziotti e carabinieri) che da anni aspettano di veder intitolata una piazza o una via al proprio familiare ucciso nell’adempimento del proprio dovere.

L’interrogazione è rivolta al titolare del ministero della giustizia Orlando che, recita l’atto firmato da numerosi altri parlamentari nell’orbita del centro destra, aveva dichiarato nelle ore successive alla sentenza che aveva mandato assolti tutti gli imputati per insufficienza di prove «è una ferita da risarcire. Il mio compito ulteriore specifico è di fare in modo che la giurisdizione consenta di risarcire o comunque superare questa ferita e contemporaneamente di riflettere su una vicenda come questa perché i meccanismi che l'hanno prodotta non si ripetano».

Quello che proprio non va giù ai sottoscrittori della interrogazione è il fatto che Ignazio Marino, ora sindaco della Capitale ma all’epoca della morte di Cucchi – nella scorsa legislatura – a capo della commissione parlamentare che esaminò il caso del geometra tossicodipendente morto mentre era sotto custodia, firmò l’atto secondo cui lo stesso Cucchi era morto a causa «dell'istaurarsi di una sindrome metabolica iperosmolare di natura prerenale dovuta ad una grave condizione di disidratazione».

«In particolare, secondo i consulenti, il decesso – scrivono ancora gli interpellanti – si deve allo squilibrio metabolico e soprattutto idrolettrolitico conseguente dalla mancata assunzione di cibo e di liquidi in modo regolare e sufficiente. All' analisi medico legale il paziente risulta portatore di due patologie: la sindrome traumatica e la sindrome metabolica. Non vi è alcuna relazione eziopatogenetica che colleghi il trauma alla sindrome metabolica». I consulenti tecnici - insiste Giovanardi - ritengono si possa escludere, senza incertezza, che il decesso si debba alla conseguenze del trauma subito» concludono i parlamentari che affondano sulla opportunità di intitolare una piazza ad un giovane morto mentre era in carcere (dove perse oltre 10 chili del peso corporeo in pochi giorni) quando «per legge può essere concessa, se non sono trascorsi almeno 10 anni dalla morte, a chi merita il titolo di benemerito della nazione».

iltempo.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Aumenti contrattuali e arretrati: per il Sappe sono inaccettabili i ritardi. Se non saranno in busta paga aprile mobilitazione del personale

2 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

3 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

4 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

5 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Per il Garante dei Detenuti se non condividi la riforma, o non l’hai letta o non l’hai capita

8 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

9 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico