Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Intervista a Corrado Santantonio: io, agente penitenziario, non ho picchiato nessuno

Polizia Penitenziaria - Intervista a Corrado Santantonio: io, agente penitenziario, non ho picchiato nessuno


Notizia del 07/06/2013 - ROMA
Letto (3314 volte)
 Stampa questo articolo


L’angoscia di questi tre anni non la scioglie neppure dopo l’assoluzione. E ora si sfoga Corrado Santantonio, uno degli agenti della penitenziaria finito sotto processo per il “pestaggio” di Stefano Cucchi, difeso dall’avvocato Corrado Oliviero. Ieri è stato assolto ma la sua vita - dice - è stata distrutta. E non basta il verdetto della Corte d’assise a restituirgli serenità. È soddisfatto? “Non sono contento. Se è questa la domanda. Io e la mia famiglia siamo solo sollevati da un’angoscia terribile, da un attacco mediatico che non auguro neppure al mio peggior nemico. Perché nessuno di voi giornalisti si è mai preoccupato di sentire la nostra voce.
Noi, gli agenti della penitenziaria, siamo persone perbene. Faccio da 35 anni questo lavoro. Ho avuto anche un’onorificenza dal presidente della Repubblica e non mi sono mai sognato di picchiare nessuno. Ho sempre aiutato le persone più deboli di me e sono stato indicato da voi come un delinquente”. Lei è uno degli agenti che ha portato Cucchi al processo, no?
“Ogni anno da piazzale Clodio passano migliaia di detenuti. Cucchi io neppure me lo ricordo, non era neanche sotto la mia custodia. Se fosse successo a un detenuto sarebbe stato di mia competenza, ma gli arrestati, che devono essere processati per direttissima sono sotto la custodia di carabinieri e polizia, di quelli che li arrestano. Leggetevi le perizie. È morto per malnutrizione, così dicono gli esperti, e da noi non ha subito nulla, perché nelle celle di piazzale Clodio vengono trattati tutti come dei signori, non c’è mai stato un caso così eclatante. Credo che qualcuno abbia speculato su questa morte”.
Il carabiniere che aveva arrestato Cucchi ha dichiarato che stava bene, cosa è successo dopo? “Io non lo so. Ma non è vero che stava bene, i segni sono le conseguenze della morte. Andrebbero letti bene gli atti del processo. Comunque quello che posso dichiarare è che nelle celle del Tribunale una cosa del genere non è mai accaduta e voi ci avete rovinato la vita”. Si aspettava l’assoluzione? “Ci speravo, certo, ci ho pensato in tutti questi anni. Cercavo di immaginare come sarebbe andata a finire. Ma ero quasi sicuro, perché passa il tempo ma alla fine la giustizia prevale. La verità viene a galla sempre”.

www.radicali.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

5 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

6 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

7 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

8 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

9 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

5 Riordino vuol dire mettere ordine

6 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

7 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

8 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

9 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna

10 Il ruolo della Polizia Penitenziaria tra la scommessa delle misure alternative e la banca dati DNA