Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Intervista del Direttore Generale detenuti del Dap Ardita: in Italia lavora solo il venti per cento dei detenuti e quest’anno l’amministrazione penitenziaria ha avuto il trenta per cento dei fondi in meno.

Notizia del 01/05/2011 - ROMA

Intervista del Direttore Generale detenuti del Dap Ardita: in Italia lavora solo il venti per cento dei detenuti e quest’anno l’amministrazione penitenziaria ha avuto il trenta per cento dei fondi in meno.

letto 2045 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Il Cons. Sebastiano Ardita, direttore generale dei detenuti e del trattamento del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, in un'intervista al quotidiano web Giustizia on line  del ministero di via Arenula, ha tracciato un bilancio della situazione penitenziaria.

In Italia lavora solo il 20,8% dei detenuti (per l'esattezza 14.174 su un totale di circa 67mila), contro il 30% di prima dell'indulto del 2006. E questo principalmente per il taglio di circa il 30% dei fondi assegnati al lavoro per i detenuti, passati da 71milioni e 400 mila euro nel 2006 a circa 50 milioni nel 2011.
Secondo Ardita: “Il lavoro dovrebbe essere una delle componenti fondamentali dell'attività di trattamento penitenziario, ma e' più realisticamente accettabile se consideriamo che in Italia, dei 67mila detenuti presenti, una grande parte e' in transito dal carcere e non in condizione di stabile detenzione''.
Infatti, considerando il drastico taglio dei fondi all’esecuzione penale, dice ancora Ardita: ''noi dobbiamo far fronte a una popolazione detenuta che dal 2006, anno dell'indulto, e' cresciuta dalle 50mila unità alle attuali 70mila circa, con un aumento demografico di circa il 40% e una contestuale perdita di fondi pari al 30%. Le due curve si sono incrociate, mentre in realtà avrebbero dovuto seguire una linea coerente. Come risultato, abbiamo oggi una disponibilità pro capite dimezzata rispetto a quello che avevamo nel 2007 per far lavorare un detenuto''
In buona sostanza, conclude Ardita: “Il carcere continua ad essere un presidio di legalità per alcune forme gravissime di criminalità e, pur tuttavia, e' anche vero che appesantire il sistema con la presenza di soggetti che non sono tali da giustificarne la presenza in carcere fa perdere il senso della stessa pena e si crea un pericoloso presupposto che e' quello di far scarseggiare le risorse per tutti.''
 
STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

10 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però