Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Iraq, assalto al carcere per liberare i detenuti: Mistero invia elicotteri da combattimento

Polizia Penitenziaria - Iraq, assalto al carcere per liberare i detenuti: Mistero invia elicotteri da combattimento


Notizia del 22/07/2013 - ESTERO
Letto (1479 volte)
 Stampa questo articolo


Assalto al carcere per liberare i detenuti: più di una decina le vittime. Ministero invia elicotteri da combattimento.

In Iraq, un gruppo armato di granate e mortai ha dato l’assalto alla prigione di Abu Ghraib, situata nella periferia occidentale di Baghdad, e a un altro carcere, quello di Taji, posto a nord della capitale irachena.

Il ministero dell’Interno ha dichiarato di avere inviato nei due centri di reclusione soldati, poliziotti ed elicotteri da combattimento per porre fine agli scontri avvenuti nelle carceri che ospitano molti militanti di Al Qaeda. Non è la prima volta che il noto gruppo terroristico organizza azioni di questo genere per liberare i compagni detenuti.

Il bilancio è di almeno 13 vittime, un numero che si somma alle 60 vittime che, nella giornata di domenica 21 luglio, hanno insanguinato la capitale: dieci le autobombe che sono esplose in meno di un ora, durante il pasto serale del Ramadan, in quartieri a prevalenza sciita. Anche a Taji, luogo che ospita uno dei due carceri, due ordigni erano esplosi vicino a una base militare uccidendo tre persone. E altre nove persone hanno perso la vita in altre zone periferiche della capitale e nel Kurdistan.

Non è da escludere che le bombe fossero state fatte esplodere per occupare le forze dell’ordine nei soccorsi e approfittarne per attaccare le carceri. Su Internet alcuni militanti hanno segnalato la fuga di migliaia di prigionieri, notizia che, attualmente, risulta infondata.

Sono oltre 2700 le persone morte in attentati, esplosioni e conflitti a fuoco avvenuti in Iraq dal 1° gennaio di quest’anno. Un bilancio pesantissimo che in poco più di un giorno ha visto sommarsi altre 85 vittime.

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

3 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

4 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

5 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

6 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

7 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi

10 Sicurezza: Salvini, chiesto a Tria fondi assunzioni. Troppo alta età media agendina,serve piano reclutamenti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

4 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

5 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

6 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

7 L’elogio funebre di Nicolò Amato a Giuseppe Falcone

8 Il pericolo radicalizzazione nelle carceri italiane

9 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela

10 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook