Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Iscritto sul registro degli indagati della Procura di Chiavari il Poliziotto Penitenziario che ha sparato per sventare il tentativo di fuga di un detenuto all’autogrill di Sestri Levante.

Notizia del 01/06/2011 - GENOVA

Iscritto sul registro degli indagati della Procura di Chiavari il Poliziotto Penitenziario che ha sparato per sventare il tentativo di fuga di un detenuto all’autogrill di Sestri Levante.

letto 3063 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Giovanni Vitale, assistente capo in servizio a Genova, uno dei Poliziotti Penitenziari coinvolti nella sparatoria seguita al drammatico tentativo di fuga del detenuto Pietro Noci, lo scorso 6 aprile all’autogrill Riviera Sud di Sestri Levante, sull’A12, è stato interrogato dal pm di Chiavari, Gabriella Dotto.

Il nome del poliziotto è già stato iscritto sul registro degli indagati, mentre quelli degli altri due colleghi presenti nell’area di servizio (il sovrintendente capo Umberto Gagliano e l’agente Raffaele Ferrante) saranno presumibilmente iscritti  solo ad avvenuta notifica di fissazione dell’interrogatorio
Il magistrato inquirente ha ipotizzato il reato di lesioni aggravate ai danni del detenuto che riportò una ferita al viso,  che aggredì la scorta e fu colpito alla testa da uno dei diciannove colpi di pistola esplosi dai componenti della scorta. Il Vitale, invece, fu attinto a un’ascella, probabilmente da una pallottola rimbalzata sul suolo.
Proprio per fare piena chiarezza sulla sequenza dei fatti e sulle eventuali responsabilità degli agenti, il pubblico ministero Dotto incaricherà nei prossimi giorni un esperto consulente balistico in forza al Reparto investigazioni scientifiche dei carabinieri di elaborare una perizia.
L’inchiesta avviata dalla Procura di Chiavari dovrà innanzitutto fare chiarezza su quanto avvenuto all’autogrill “Riviera Sud”, ma pure valutare se la reazione della scorta fu commisurata al reale pericolo di fuga del detenuto.
 
 
STATISTICHE CARCERI REGIONE LIGURIA
Statistiche carceri Regione Liguria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico