Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Ispettrice di Polizia Penitenziaria, indagata per molestie e minacce aggravate

Polizia Penitenziaria - Ispettrice di Polizia Penitenziaria, indagata per molestie e minacce aggravate


Notizia del 05/02/2013 - VENEZIA
Letto (4294 volte)
 Stampa questo articolo


Una poliziotta penitenziaria, nel carcere femminile della Giudecca, è indagata per minaccia aggravata e molestie telefoniche. I fatti si riferiscono al 2011. In questo anno, l'indagata ha ripetutamente minacciato alcuni dipendenti del corpo penitenziario, tanto da costringerli a firmare un esposto contro l'ispettrice. (ndr)

Minaccia aggravata e molestie telefoniche. C’era stata una vera e propria guerra nel 2011 tra le due ispettrici della Polizia penitenziaria in servizio nel carcere femminile della Giudecca, una guerra che aveva coinvolto anche altre dipendenti del corpo tanto che in otto avevano firmato un esposto al Provveditorato regionale per il Veneto contro l’ispettrice comandante, che ora si trova anche indagata per quei due reati.

A condurre le indagini è il pubblico ministero di Venezia Massimo Michelozzi, che ha disposto anche il sequestro della scheda telefonica Sim del cellulare dell’ispettrice capo per appurare se le telefonate alla collega siano davvero partite dal suo apparecchio.
Nell’esposto firmato da otto agenti, tra cui la vice del capo, si sostiene che la responsabile avrebbe tenuto atteggiamenti vessatori verso il personale. Non solo, la vice comandante ha denunciato anche di aver ricevuto pesanti minacce e numerose telefonate al suo cellulare.

I carabinieri della Polizia giudiziaria avrebbero stabilito, grazie alla scheda sequestrata, l’esistenza delle telefonate dal cellulare dell’una, l’indagata, a quella dell’altra, la parte offesa. Queste le date: il 21 dicembre 2011 e il 22 gennaio dell’anno immediatamente successivo.

L’avvocato romano Ernesto Trimarco, difensore dell’indagata, ha presentato ricorso al Tribunale di Venezia del riesame per riavere la scheda telefonica, ma i giudici veneziani hanno respinto la richiesta. Nelle motivazioni scrivono che “il sospetto che sia stato commesso il reato è sussistente e a questo non osta la comprovata reciproca ostilità da tempo caratterizzante i rapporti tra le due ispettrici”.

In realtà, inizialmente le due ispettrici andavano d’amore e d’accordo tanto da aver avuto anche una relazione, rapporto poi di cui era venuto a conoscenza il marito di una delle due che aveva chiesto l’intervento del cappellano del carcere. Poi, però, con l’arrivo di una nuovo comandante il loro rapporto si era guastato. Comunque, il Provveditorato, in seguito all’arrivo dell’esposto e ad una veloce istruttoria, aveva disposto il trasferimento “per incompatibilità ambientale” delle protagoniste della vicenda e non solo delle due ispettrici. L’avvocato Trimarco, però, ha presentato ricorso al Tar e l’ha anche vinto, ottenendo il rientro di una delle due. Mentre l’altra è andata in pensione, ma resta in piedi l’indagine penale.
 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

2 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

3 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

4 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

5 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 Ma chi siamo?

4 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

5 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

6 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

9 Transito a ruolo civile. Č legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia