Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
L'amministrazione penitenziaria in trasferta per imparare dalle carceri bulgare

Polizia Penitenziaria - L'amministrazione penitenziaria in trasferta per imparare dalle carceri bulgare


Notizia del 21/09/2013 - FORLĚ-CESENA
Letto (2124 volte)
 Stampa questo articolo


Delegazione forlivese ha partecipato, la scorsa settimana, ad una missione a Bucarest per lo scambio di buone prassi nell’ambito dei sistemi penitenziari europei. La missione, della durata di 6 giorni, ha previsto la partecipazione di sei persone, tre delle quali provenienti dal nostro territorio. In particolare, hanno partecipato Palma Mercurio, direttrice della casa circondariale di Forlì, Lia Benvenuti direttore generale di Techne, ente di formazione che opera all’interno del carcere di Forlì e Cinzia Fontana, responsabile di progettazione del medesimo ente.

 

Techne ha partecipato alla missione in qualità di socio fondatore del Consorzio Open, soggetto che opera a livello nazionale, in numerose carceri italiane, per promuovere il reinserimento socio-lavorativo dei detenuti. Alla delegazione si è aggiunto anche il Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria dell’Emilia Romagna, Pietro Buffa.

La missione, finanziata nell’ambito di un progetto europeo Leonardo da Vinci Mobilità, aveva lo scopo di trasferire conoscenze e scambiare buone pratiche nell’ambito dei sistemi penitenziari europei.

Ospite dell’Amministrazione Nazionale Penitenziaria Rumena, la delegazione ha visitato tre dei più grandi carceri rumeni con i rispettivi ospedali penitenziari ed ha realizzato numerosi incontri con le direzioni penitenziarie e le Organizzazioni non governative operanti all’interno delle carceri rumene.

“L’esperienza di alto valore ed interesse – sottolinea Palma Mercurio direttrice del carcere di Forlì – ci ha permesso di toccare con mano un sistema penitenziario che, nonostante le comuni difficoltà dovute alla crisi economica ed al sovraffollamento, riesce ad assicurare un alto livello di informatizzazione che garantisce un processo informativo per il detenuto chiaro e funzionale. E’ stato un importante momento formativo e di arricchimento professionale – continua la Mercurio – che ci ha permesso di conoscere da vicino un sistema carcerario diverso dal nostro ma dal quale possiamo trasferire buone pratiche ed idee innovative funzionali al nostro territorio”.

“Significativi – chiarisce Lia Benvenuti, direttore generale di Techne – sono anche i numerosi interventi riabilitativi per i detenuti che vengono attivati in Romania, così come peraltro già da anni nel carcere di Forlì; attraverso attività laboratoriali e formative infatti le carceri rumene offrono numerose possibilità di imparare un mestiere, importante volano per un reingresso nella legalità e nella comunità sociale. Il grande valore aggiunto del sistema penitenziario rumeno – continua la Benvenuti – è che i detenuti vengono impegnati in tali attività fuori dalle proprie celle per molte ore della giornata, permettendo così alla persona di arricchire il proprio bagaglio professionale e migliorando al contempo lo stato psicologico”.

Techne, che da decenni si occupa di formazione ed inserimento lavorativo per i detenuti della casa circondariale di Forlì, era a capo della delegazione che durante la settimana ha incontrato le massime cariche nazionali dell’Amministrazione Penitenziaria Rumena facente capo al Ministero di Giustizia nazionale.

forli24ore.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis

10 Gratteri: “Campi di lavoro per i mafiosi se vogliono mangiare”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”