Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
L'amministrazione penitenziaria in trasferta per imparare dalle carceri bulgare

Polizia Penitenziaria - L'amministrazione penitenziaria in trasferta per imparare dalle carceri bulgare


Notizia del 21/09/2013 - FORLĚ-CESENA
Letto (1993 volte)
 Stampa questo articolo


Delegazione forlivese ha partecipato, la scorsa settimana, ad una missione a Bucarest per lo scambio di buone prassi nell’ambito dei sistemi penitenziari europei. La missione, della durata di 6 giorni, ha previsto la partecipazione di sei persone, tre delle quali provenienti dal nostro territorio. In particolare, hanno partecipato Palma Mercurio, direttrice della casa circondariale di Forlì, Lia Benvenuti direttore generale di Techne, ente di formazione che opera all’interno del carcere di Forlì e Cinzia Fontana, responsabile di progettazione del medesimo ente.

 

Techne ha partecipato alla missione in qualità di socio fondatore del Consorzio Open, soggetto che opera a livello nazionale, in numerose carceri italiane, per promuovere il reinserimento socio-lavorativo dei detenuti. Alla delegazione si è aggiunto anche il Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria dell’Emilia Romagna, Pietro Buffa.

La missione, finanziata nell’ambito di un progetto europeo Leonardo da Vinci Mobilità, aveva lo scopo di trasferire conoscenze e scambiare buone pratiche nell’ambito dei sistemi penitenziari europei.

Ospite dell’Amministrazione Nazionale Penitenziaria Rumena, la delegazione ha visitato tre dei più grandi carceri rumeni con i rispettivi ospedali penitenziari ed ha realizzato numerosi incontri con le direzioni penitenziarie e le Organizzazioni non governative operanti all’interno delle carceri rumene.

“L’esperienza di alto valore ed interesse – sottolinea Palma Mercurio direttrice del carcere di Forlì – ci ha permesso di toccare con mano un sistema penitenziario che, nonostante le comuni difficoltà dovute alla crisi economica ed al sovraffollamento, riesce ad assicurare un alto livello di informatizzazione che garantisce un processo informativo per il detenuto chiaro e funzionale. E’ stato un importante momento formativo e di arricchimento professionale – continua la Mercurio – che ci ha permesso di conoscere da vicino un sistema carcerario diverso dal nostro ma dal quale possiamo trasferire buone pratiche ed idee innovative funzionali al nostro territorio”.

“Significativi – chiarisce Lia Benvenuti, direttore generale di Techne – sono anche i numerosi interventi riabilitativi per i detenuti che vengono attivati in Romania, così come peraltro già da anni nel carcere di Forlì; attraverso attività laboratoriali e formative infatti le carceri rumene offrono numerose possibilità di imparare un mestiere, importante volano per un reingresso nella legalità e nella comunità sociale. Il grande valore aggiunto del sistema penitenziario rumeno – continua la Benvenuti – è che i detenuti vengono impegnati in tali attività fuori dalle proprie celle per molte ore della giornata, permettendo così alla persona di arricchire il proprio bagaglio professionale e migliorando al contempo lo stato psicologico”.

Techne, che da decenni si occupa di formazione ed inserimento lavorativo per i detenuti della casa circondariale di Forlì, era a capo della delegazione che durante la settimana ha incontrato le massime cariche nazionali dell’Amministrazione Penitenziaria Rumena facente capo al Ministero di Giustizia nazionale.

forli24ore.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Agente penitenziario ucciso da tre batteri in ospedale: alla vedova un milione di euro di risarcimento

5 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

6 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

9 Detenuto tunisino accusa dieci Agenti penitenziari di lesioni a San Vittore. E'' in carcere per tentato omicidio e accusò altri Agenti di Velletri

10 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Esuberi personale di Polizia Penitenziaria, dubbi sulla gestione del DAP. Interrogazione parlamentare di Maurizio Gasparri

2 Carceri, mille leggi per un solo risultato: torna il sovraffollamento

3 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

4 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

5 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

6 E'' meglio scegliere a chi dare la colpa che cercare le cause del disastro penitenziario

7 Evasione di Favignana: “Non importa quanto vai piano, l''importante è che non ti fermi"

8 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

9 Amministrazione penitenziaria in piena zona retrocessione. Ci vorrebbe Zamparini con i suoi tanti esoneri

10 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale