Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
L'europarlamentare Vattimo convocato in Procura per la visita a ferragosto in carcere

Polizia Penitenziaria - L'europarlamentare Vattimo convocato in Procura per la visita a ferragosto in carcere


Notizia del 30/08/2013 - TORINO
Letto (2079 volte)
 Stampa questo articolo


«Mah! Mi sembra tutto montato sulle biglie quadrate». Ci pensa un po’ su, Gianni Vattimo, poi se ne esce con questa battuta dal tono divertito. Il filosofo, europarlamentare Idv, è stato convocato per lunedì in procura dai pm Antonio Rinaudo e Andrea Padalino come «persona informata sui fatti».

I fatti risalgono a Ferragosto quando l’onorevole si è presentato al cancello del carcere delle Vallette per chiedere di visitare i detenuti. In particolare un detenuto: l’attivista No tav Davide Giacobbe, 33 anni, di Varese, arrestato il giorno prima a casa sua per l’aggressione ad un sovrintendente di polizia nei pressi del cantiere Tav di Chiomonte da parte di un gruppo di giovani, alcuni incappucciati, il 16 novembre 2012.

Come suoi collaboratori l’hanno seguito nella visita in carcere a Giacobbe, detto Giobbe, Nicoletta Dosio e Luca Abba, noti esponenti No Tav. Lunedì torneranno a seguirlo, questa volta in procura, sentiti anch’essi come testi dai pm per lo stesso motivo: accertare se fossero, siano collaboratori abituali dell’europarlamentare. Un fascicolo giudiziario è stato aperto nel limbo giudiziario dei «fatti senza ipotesi di reato», ma, inutile nasconderlo: senza spiegazioni convincenti, i tre rischiano un incriminazione per falso ideologico.

Vattimo dice: «Conosco Nicoletta Dosio da tempo, Abbà sono andato a trovarlo in ospedale quando si è bruciato sul traliccio. Li avevo incontrati il giorno prima nel ristorante di lei a Bussoleno, noto covo No Tav - chiosa ironico - per una lezione filosofica su verità e politica che ho tenuto a una cinquantina di convenuti. A Ferragosto sono andato spesso a visitare i detenuti in carcere, a volte da solo altre con persone che non avevano qualifiche particolari».

«Questa volta - aggiunge - sono andato con questi due. Sapevo che avevano dei problemi, il comandante delle guardie ha mostrato di riconoscerli. Pensavo che non ci facessero entrare, ma ci hanno fatto entrare». Lei ha garantito per loro? «Le guardie mi hanno chiesto se erano giornalisti, io ho risposto di no. La verità. Ho dichiarato su un foglio che si trattava di miei consulenti per i movimenti sociali. Una volta dentro, abbiamo incontrato nei corridoi tanta gente. Sapevo che Giacobbe si trovava in una certa sezione e ho chiesto di poter andare lì». Sa che nel frattempo è stato scarcerato? «No, se lo avessi saputo... tutto sto casino...».

lastampa.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

8 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

7 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

8 La perquisizione straordinaria

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)