Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
La Cancellieri sbaglia a rimuovere Mazzeo dal carcere di Marassi, ecco perché

Polizia Penitenziaria - La Cancellieri sbaglia a rimuovere Mazzeo dal carcere di Marassi, ecco perché


Notizia del 23/12/2013 - GENOVA
Letto (2682 volte)
 Stampa questo articolo


Più che "temerarie", come le ha definite il ministro Cancellieri, le dichiarazioni del direttore del carcere Salvatore Mazzeo subito dopo la fuga di Bartolomeo Gagliano sono apparse sgangherate, ma tutt'altro che sufficienti per giustificare la sua rimozione. Lo si può immaginare: nel ciclone che si è scatenato nel giro di poche ore, Mazzeo ha provato a spiegare quel che era successo e sicuramente si è fatto capire male, portando su di sé il peso di una valutazione sbagliata e il timore che l'evaso potesse combinare guai peggiori di quel che poi è accaduto. Non toccava a lui intervenire in prima battuta, avrebbe potuto attendere che giungessero spiegazioni per le vie ufficiali, una nota del ministero, del dipartimento penitenziario, della magistratura di sorveglianza: perché, ricordiamolo, non è il direttore di un carcere a decidere sul permesso a un detenuto. Mazzeo però è fatto così.

Non è un burocrate del tipo "io con I giornalisti e con la gente non ci parlo", sepolto e protetto da carte ammuffite, codicilli e regolamenti. Per quel carcere ha dato l'anima, non ci ha dormito, ha organizzato decine di iniziative, magari in qualche occasione può essere andato sopra le righe per troppo entusiasmo. Però ci ha provato davvero a rendere quella gattabuia ciò che tutti a parole indicano dovrebbe essere: luogo di espiazione, rieducazione, reinserimento. E anche di speranza. Ha sempre avuto un rapporto sciolto con i media, da strappo alle regole, e l'ha sempre fatto chiedendo, come tornaconto, di raccontare quel che di positivo si faceva tra le mura di Marassi. Ben diverso da tanti suoi colleghi imbalsamati e arcigni sulla sedia di un ufficio blindato. Quella mattina ha parlato, ha parlato d'istinto e anche un bel po' turbato, e ha fatto un patatrac. Dichiarazioni "temerarie" le sue?

Dichiarazioni di tale leggerezza da "leggerezza" con cui "gettare allarme sulla popolazione e discredito sulle istituzioni", così come ha affermato la Cancellieri, ridicolizzandolo davanti al Parlamento e al Paese? Dichiarazioni incaute, potremmo al limite classificarle, forse anche inopportune. Incaute e inopportune, nella stessa identica maniera di alcune telefonate partite dal telefono del ministro della Giustizia. Non hanno, le conversazioni del Guardasigilli con i Ligresti, "gettato discredito sulle istituzioni", una volta conosciute? Non hanno portato a un voto di sfiducia respinto solo da alchimie di equilibrismi di un quadro politico complicato? Non hanno lasciato il sapore amaro di un componente dell'esecutivo che fa capolino in una vicenda giudiziaria quando, nel mirino, ci sono persone amiche e potenti?

Mazzeo non ha voluto sabotare il sistema giustizia, ha dato qualche spiegazione squinternata nel momento più caldo di una polemica nazionale. Ha fatto più danno lui, che ci ha messo la faccia? O certe conversazioni partite dal telefono di un Guardasigilli che poi ammette: "Ho commesso forse un'imprudenza"? La differenza sta solo nel fatto che lei, il ministro Cancellieri, pensava non fossero intercettate?

Il Secolo XIX

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LIGURIA
Statistiche carceri Regione Liguria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

5 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

6 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

7 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Ma chi siamo?

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia