Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
La carta stampata e la «Carta di Milano»: giornalisti più gentili coi detenuti.

Notizia del 12/09/2011 - MILANO

La carta stampata e la «Carta di Milano»: giornalisti più gentili coi detenuti.

letto 1931 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

«Quante volte un articolo di giornale ha bloccato riforme importanti che andavano fatte in tema di carcere e di giustizia. Ancora oggi ci sono mostri sbattuti in prima pagina»: così il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia (nella foto), si schiera a fianco agli Ordini dei giornalisti della Lombardia, dell’Emilia Romagna e del Veneto nell’iniziativa (la «Carta di Milano») presentata l’altro ieri a Milano. Obiettivo: convincere e in qualche modo costringere i giornalisti, quando scrivono di delinquenza e di carcere, ad attenersi a precise linee guida. Obiettivo: evitare che episodi di cronaca nera di cui si rendono protagonisti detenuti semiliberi, agli arresti domiciliari o usciti in altro modo anzitempo dal carcere vengano presi come spunto per polemiche contro il «buonismo» del sistema penitenziario italiano. Le norme varate dall’Ordine prevedono l’obbligo per i cronisti di riportare i dati che dimostrano la bontà delle misure alternative alla prigione e a tutelare i diritti del cittadino detenuto o ex detenuto. Per i giornalisti che verranno meno a tali direttive, saranno possibili provvedimenti disciplinari.
Nel testo reso noto dall’Ordine dei giornalisti lombardi si legge che i redattori sono «invitati a osservare la massima attenzione nel trattamento delle informazioni concernenti i cittadini privati della libertà in quella fase estremamente difficile e problematica di reinserimento nella società» e ad «usare termini appropriati in tutti i casi in cui un detenuto usufruisce di misure alternative al carcere o di benefici penitenziari evitando di sollevare un ingiustificato allarme sociale e di rendere più difficile un percorso di reinserimento sociale che avviene sotto stretta sorveglianza», nonchè a «tenere conto dell’interesse collettivo ricordando quando è possibile dati statistici che confermano la validità delle misure alternative al carcere e il loro basso margine di rischio».
Si tratta, insomma, di dare agli organi di informazione alcune linee guida in materia di informazione sul carcere: raccomandando di dare conto delle assoluzioni e non solo delle sentenze di condanna, e invitando a riconoscere agli ex detenuti il «diritto all’oblio», evitando cioè i rammentare a ogni occasione i loro precedenti penali (tranne nel caso di «crimini contro l’umanità o ad altri gravi fatti che abbiano modificato il corso degli avvenimenti diventando Storia»). Si raccoglie anche la lamentela del personale penitenziario, chiedendo ai giornalisti di non usare più l’espressione «secondini» sostituendola con «poliziotti, agenti di polizia penitenziaria o personale in divisa». Ma la parte essenziale del decalogo emanato dall’Ordine riguarda il trattamento da riservare a tutte le notizie che in qualche modo riguardano la legge Gozzini o altri benefici carcerari, spesso vissuti dalla pubblica opinione come ingiustificate forme di buonismo verso i colpevoli. «L’Ordine dei giornalisti raccomanda ai direttori e a tutti i redattori di aprire con i lettori un dialogo capace di andare aldilà della semplice informazione per far maturare una nuova cultura del carcere che coinvolga la società civile» e segnala «l’opportunità che l’informazione sia il più possibile approfondita in modo da assicurare un approccio alla questione criminale che non si limiti alla eccezionalità dei casi che fanno clamore». «Tutti i giornalisti sono tenuti all’osservanza di tali regole per non incorrere nelle sanzioni previste dalla legge istitutiva dell’Ordine».

fonte: IL GIORNALE

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Carceri, salta la riforma: primo atto del nuovo Governo

3 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

4 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

9 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

4 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

5 Giunge gradito … graditissimo il saluto del Ministro Orlando

6 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

7 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

8 L’elogio funebre di Nicolò Amato a Giuseppe Falcone

9 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela

10 Il pericolo radicalizzazione nelle carceri italiane