Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
La Corea del Nord ammette l'esistenza dei campi di detenzione lavoro

Polizia Penitenziaria - La Corea del Nord ammette l'esistenza dei campi di detenzione lavoro


Notizia del 10/10/2014 - ESTERO
Letto (1154 volte)
 Stampa questo articolo


Non sono gulag. Sono «campi di detenzione e lavoro» dove i cittadini che sbagliano possono correggere «i propri errori»: così, per la prima volta, per rispondere ad un duro rapporto delle Nazioni Unite, un rappresentante del regime di Pyongyang ha ammesso all'Onu l'esistenza di campi per la rieducazione in Corea del Nord, proprio mentre in Italia va avanti la polemica tra il senatore Antonio Razzi e l'esule nordcoreano Shin Dong-hyuk.

In Corea del Nord, ha affermato al Palazzo di Vetro un  funzionario del ministero degli esteri di Pyongyang, Choe Myong-nam, ci sono campi, ma «non centri di detenzione», dove «sia nel diritto che nella pratica, le persone migliorano attraverso la loro mentalità e il lavoro e vedono i loro errori».

Si tratta di campi enormi, cinque, sparsi in tutto il Paese. Secondo quanto ha affermato un esponente politico sudcoreano, la loro superficie totale è doppia rispetto a quella di Seul, una città da 10 milioni di abitanti. «In base al materiale proveniente da istituti di ricerca nazionali ed esteri, e all'analisi delle immagini satellitari, l'area totale dei cinque campi di prigionia del Nord è risultata essere di 1.247,9 chilometri quadrati», ha detto Yoon Sang-hyun, parlamentare della Corea del Sud.  Pyongyang è accusata di detenere centinaia di migliaia di prigionieri politici in gulag che il regime chiama «campi di lavoro e di rieducazione».

Il loro numero, secondo un rapporto di giugno del 'Korea Institute for National Unification', un think tank basato a Seul, è stimato in 80.000-120.000 unità.  La stima contenuta nel rapporto, redatto raccogliendo le testimonianze dei disertori nordcoreani rifugiatisi al Sud, è però da molti considerata molto prudente. Si tratta di strutture, secondo quanto ha raccontato Shin Dong-hyuk, in cui sono all'ordine del giorno torture e abusi di ogni genere ai danni dei detenuti.

Torture che lui ha documentato nel libro «Fuga dal campo 14» scritto da un giornalista del New York Times, Blaine Harden.  Shin, ha sottolineato la sua casa editrice, «è nato nel famigerato Campo 14, ed è fuggito a 23 anni dopo aver subito la fame, la schiavitù, le torture più atroci, e dopo aver visto uccidere davanti ai suoi occhi la madre e il fratello». In un'intervista radiofonica, il senatore di Forza Italia Antonio Razzi ha invece aveva sostenuto un paio di giorni fa che quanto denunciato sui campi è «tutto inventato: sono sette anni che vado lì. I lager c'erano negli anni Quaranta», ma oggi «non ci sono», «non esistono». «Questo (Shin) vuole fare i soldi alle spalle della gente» e «la gente abbocca», così lui «vende i libri; questo ha imparato la furbizia». Oggi Shin gli ha risposto «caro Senatore, spero lei sia felice» di vivere nel «mondo libero» dove è «comodo poter dire qualunque cosa senza pensarci». I «turisti», ha ricordato, «vedono solo ciò che il regime vuole che vedano».

 

gds.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

5 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

8 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

9 Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto