Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
La ndrangheta si sviluppa meglio in carcere che all'esterno: parola di collaboratore di giustizia

Polizia Penitenziaria - La ndrangheta si sviluppa meglio in carcere che all'esterno: parola di collaboratore di giustizia


Notizia del 23/04/2014 - IMPERIA
Letto (2557 volte)
 Stampa questo articolo


"La 'ndrangheta si sviluppa meglio all'interno degli istituti penitenziari che all'esterno". A squarciare il velo di silenzio su ciò che accade all'interno delle carceri italiane è Gianni Cretarola, collaboratore di giustizia e testimone al processo "la Svolta" che si tiene presso il tribunale di Imperia, sulle presunte infiltrazioni dell'organizzazione malavitosa nel ponente ligure.

"Negli istituti penitenziari - ha continuato Cretarola parlando ai giudici nascosto dietro un paravento - si creano alleanze da sfruttare una volta ritornati in libertà. Non solo, si parla di traffico di stupefacenti e di armi, ma anche, e soprattutto, di controllo del territorio".

Condannato per l'omicidio di Daniele Delfino che avvenne a Sanremo nell'estate del 2001 su una spiaggia a Sanremo, Cretarola, cambia diversi istituti penitenziari, passando da Sanremo, a Cuneo, Ivrea, Alessandria per arrivare nel carcere di Sulmona, dove incontrerà una persona in particolare che segnerà il suo destino nelle file della 'ndrangheta.

"Sin da ragazzo avevo l'aspirazione di essere un affiliato della mafia, mi son sempre dato da fare, passando dal piccolo spaccio di droga al furto di motorini fino all'omicidio - racconta il collaboratore di giustizia - della mia affiliazione si era sempre parlato con Antonio Palamara (imputato in questo procedimento penale con l'accusa di essere uno dei capi della locale di Ventimiglia, ndr) ma si è sempre rimandato".

Nel suo racconto il collaboratore di giustizia , rivela come sia facile, in carcere comunicare tra affiliati "in qualsiasi trattamento, tranne il 41 bis". Racconta, in particolare Cretarola, di quando era detenuto nel carcere di Sulmona e di come fosse facile all'epoca riuscire a tenere i contati con le 'ndrine esterne al carcere grazie alla collaborazione dei familiari dei detenuti o degli stessi detenuti quando uscivano in permesso premio.

Proprio nel carcere di Sulmona, fu Massimilaino Sesisto, condannato a trent'anni per vari omicidi, ad affiliare Cretarola alla grande 'famiglia': "Di solito - spiega il pentito - se si è fuori dal proprio territorio bisogna avere la benedizione del capo della 'ndrina del tuo paese di origine ed essendo di Sanremo, Massimiliano Sesisto, ha dovuto mandare un ambasciata a Palamara Antonio, di Ventimiglia, che, dopo un primo silenzio, si decide da dare il suo consenso".

Il 'battesimo' avenne nella calzoleria del carcere: "Se si effettua il battesimo al di fuori del carcere bisogna bonificare l'area da eventuali cimici - racconta Cretarola - ma nel mio caso ci simo limitati a scegliere una parte della calzoleria che fosse in disparte e Massimiliano Sestito ha proceduto a recitare una formula che desse sacralità al posto."

La cerimonia è anche detta 'taglio della coda' perché è usanza del 'ndranghetista di credere ancora che l'uomo abbia ancora la coda e che sollevi la polvere mentre cammini. "Ho succhiato il sangue dal pollice da chi mi ha battezzato":così era scritto nel rito degli 'ndranghetisti.

Nel corso della sua deposizione, Cretarola, ha svelato anche la presenza di un 'ndrina presente a Sanremo comandata da un certo Pasqualino, "di cui però so solo che aveva sessant'anni e lavorava al casinò".

genova.repubblica.it/

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LIGURIA
Statistiche carceri Regione Liguria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Bambino di 5 anni muore in piscina: il papà è un Agente della Polizia Penitenziaria

2 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

3 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

4 Detenuti protestano in nome di Allah: frattura al braccio per un Agente e altri Poliziotti penitenziari feriti nel carcere di Verona

5 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

6 Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

7 Matrimonio tra Poliziotta penitenziaria e detenuto: lei lo aiutò ad evadere dal carcere svizzero

8 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

9 Nostro fratello Mormile ucciso dall''accordo tra DAP e servizi segreti: testimone di colloqui tra Stato e boss mafiosi nel carcere di Parma

10 Detenuto Rachid Assarag a processo per violenza e oltraggio all''Ispettore di Polizia Penitenziaria di sorveglianza nel carcere di Imperia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Perché tanta attenzione all’USPEV e nessuna considerazione per NIC e GOM?

2 Adesso che è legge il reato di "tortura" sicuramente abbiamo risolto il problema ... quindi se facciamo una legge contro l''imbecillità la debelliamo dal Paese?

3 Riordino delle carriere: le tabelle e tutto quello che c’è da sapere

4 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

5 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

6 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

7 Il malessere del Corpo in una lettera a un quotidiano di Alessandria

8 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

9 Lettera aperta di Capece a Rita Bernardini

10 Fiamme Azzurre, nuova stagione olimpica e nuova location per la preparazione di Anna Cappellini e Luca Lanotte