Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
La nuova camorra si è riorganizzata nel carcere di L''Aquila: le rivelazioni del pentito Lo Russo

Polizia Penitenziaria - La nuova camorra si è riorganizzata nel carcere di L''Aquila: le rivelazioni del pentito Lo Russo


Notizia del 04/10/2016 - L'AQUILA
Letto (6152 volte)
 Stampa questo articolo


A parlare e svelare la novità che sta sconvolgendo Napoli, rivelando anche gli interessi dei clan della camorra, è stato il boss Mario Lo Russo, oggi collaboratore di giustizia unitamente ai fratelli Salvatore e Carlo. Il clan dei "Capitoni di Miano", camorristi dalla nascita e padroni di quartieri come Miano, Piscinola, Marianella e Chiaiano già dagli anni '80, ora stanno parlando e le loro dichiarazioni stanno facendo emergere importanti novità sulla nuova mappa della camorra di Napoli. Soldi sporchi, tanta droga, molte armi e centinaia di morti: queste sono le risposte che dovranno dare e che stanno mettendo nero su bianco i pentiti dei Lo Russo.

La nuova mappa della camorra parte da Miano

La novità svelata da Lo Russo riguarderebbe una ricomposizione dell'alleanza di Secondigliano. Secondo quanto riferito dal pentito, all'interno del carcere de L'Aquila ci sarebbe stato un vero e proprio summit tra i vertici delle cosche. Quale posto migliore di un penitenziario per parlare indisturbati? Mario Lo Russo avrebbe parlato anche del sistema carcerario italiano, affermando che per i boss della camorra e non solo, è possibile incontrarsi e parlare indisturbati anche di argomenti che non sono affatto legali. E proprio dal carcere de L'Aquila sarebbe stato siglato nuovamente un accordo tra i clan per una nuova alleanza di Secondigliano.

La nuova faccia della camorra che esclude i Lo Russo

Negli Anni '80, alcuni clan camorristici quali i Mallardo, i Licciardi, i Contini e proprio i Lo Russo (ora pentiti), fondarono l'alleanza di Secondigliano al fine di sconfiggere il clan Misso unitamente ad altre famiglie fedeli ad esso. Nonostante ilregime di 41bis, in carcere le celle dei boss sarebbero state vicine e, di conseguenza, avrebbero potuto parlare e organizzarsi tranquillamente.

Inoltre, le famiglie che avrebbero ricomposto l'alleanza di Secondigliano, sarebbero tra le più potenti di Napoli, in grado di contare non solo su un legame malavitoso, ma anche su quello familiare, perché imparentate fra loro. Mario Lo Russo, da pentito, durante un interrogatorio avrebbe confermato il rinnovo dell'accordo che, stavolta, dovrebbe fare a meno della vecchia famiglia di Miano, ormai pentita.

it.blastingnews.com

STATISTICHE CARCERI REGIONE ABRUZZO
Statistiche carceri Regione Abruzzo







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

9 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

10 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Esuberi personale di Polizia Penitenziaria, dubbi sulla gestione del DAP. Interrogazione parlamentare di Maurizio Gasparri

2 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

3 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

4 Congedo programmato e malattia

5 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

6 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

7 E'' meglio scegliere a chi dare la colpa che cercare le cause del disastro penitenziario

8 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

9 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

10 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?