Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
La Regina annuncia grande riforma delle carceri della Gran Bretagna: esempio anche per l''Italia?

Polizia Penitenziaria - La Regina annuncia grande riforma delle carceri della Gran Bretagna: esempio anche per l''Italia?


Notizia del 19/05/2016 - ESTERO
Letto (1618 volte)
 Stampa questo articolo


La Gran Bretagna si appresta a varare la più grande riforma del sistema penitenziario dell’ultimo secolo. Ad annunciare il piano del governo è stata ieri la regina Elisabetta, nel suo tradizionale discorso annuale davanti al Parlamento di Westminster. La gestione delle carceri, sempre più affollate e incapaci di realizzare la loro finalità rieducativa (il 46 per cento dei detenuti inglesi torna a delinquere a un anno dall’uscita), sarà fortemente decentralizzata.

Agli istituti penitenziari - inizialmente sei, tra cui quello di Wandsworth, uno dei più grandi in Europa - verrà riconosciuto un regime speciale di autonomia finanziaria e amministrativa: saranno i direttori delle carceri a decidere come utilizzare le risorse a loro disposizione, a disciplinare liberamente la vita interna degli istituti, e a disporre anche del potere di stipulare accordi con soggetti esterni per favorire l’impiego dei detenuti in attività lavorative e rieducative.

L’obiettivo di lungo periodo del piano voluto dal primo ministro, David Cameron, è quello di trasformare le carceri in una sorta di mini-imprese, dotate di autonomia contrattuale, del potere di gestire il proprio fatturato e della capacità di istituire dei board con esperti privati. A questa concessione di autonomia si accompagnerà, però, un regime di assoluta trasparenza.

I direttori delle carceri, infatti, saranno obbligati a fornire dati comparabili sui risultati ottenuti con la loro gestione, sugli eventuali casi di violenza e autolesionismo, sul grado di recidiva dei detenuti rilasciati e sul loro tasso di occupazione. Una rivoluzione copernicana del modo di concepire l’esecuzione della pena, alla quale l’Italia dovrebbe guardare con attenzione.

Il Foglio

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”