Aveva promesso un'indagine rigorosa, che facesse chiarezza sulla vicenda con la massima trasparenza. E 

  Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Lacrimogeni Ministero Giustizia, Severino: risultati indagini escudono "estranei" nel Ministero

Polizia Penitenziaria - Lacrimogeni Ministero Giustizia, Severino: risultati indagini escudono


Notizia del 19/11/2012 - ROMA
Letto (1473 volte)
 Stampa questo articolo


Aveva promesso un'indagine rigorosa, che facesse chiarezza sulla vicenda con la massima trasparenza. E Paola Severino è stata di parola. "L'indagine si è praticamente conclusa ed evidenzia che con altissime probabilità il lacrimogeno è stato sparato dal basso, si è infranto su una finestra del palazzo di Via Arenula, si è frantumato ed è ricaduto sulla strada".

Rispondendo alle domande dei giornalisti a margine del convegno Luiss sui diritti delle donne, la ministro dà notizia di quanto emerso dall'indagine interna immediatamente disposta e dal rapporto dei carabinieri del Racis, da lei incaricati venerdì scorso di fare luce sulla dinamica della traiettoria dei lacrimogeni sparati in via Arenula.

Ora che l’inchiesta è conclusa il ministro ha escluso l’ingresso di persone esterne nel ministero: ”Dalla visione completa delle registrazioni delle telecamere – ha dichiarato la Severino – risulta che non ci sono stati accessi di estranei al ministero della Giustizia”.

"Renderò pubblici i risultati e li trasmetterò alla procura di Roma: i pm potrebbero avere mezzi di indagine migliori dei miei e se qualcuno ha fonti diverse può sentirsi libero di denunciare il proprio convincimento", conclude la guardasigilli. Che poi ammonisce: su questa vicenda "ognuno è libero di avere una propria opinione, ma il preconcetto non è ammissibile".

www.giustizia.it

Lacrimogeni Via Arenula: i Carabinieri del Racis confermano la versione del Questore, non sono partiti dal palazzo

Lanci lacrimogeni: Severino, avviata indagine interna, interrogatori al personale via Arenula

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Non gradisce la sistemazione in cella, detenuto aggredisce agente della Penitenziaria

3 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

4 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Carceri: procuratore aggiunto Potenza Basentini verso guida Dap

4 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

5 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

6 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

7 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

8 In sezione comme a la guerre

9 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook

10 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela