Aprile 2020
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2020  
  Archivio riviste    
Lancio di cellulari e droga nel cortile di Marassi: il Sappe incontra il Viceprefetto

Polizia Penitenziaria - Lancio di cellulari e droga nel cortile di Marassi: il Sappe incontra il Viceprefetto


Notizia del 31/08/2014 - GENOVA
Letto (1812 volte)
 Stampa questo articolo


I detenuti del carcere di Genova Marassi ricevono cellulari e droga che vengono lanciati dai palazzi vicini all'istituto di pena dai congiunti o dai complici che li tirano nel cortile durante l'ora d'aria. Una consuetudine "che sta diventando emergenza" ha detto il sindacato di polizia Sappe che sulla questione ha interessato la prefettura. Il prefetto pro tempore Paolo d'Attilio ha convocato il direttore del carcere Mazzeo per concordare linee di prevenzione.

Il Sappe incontra il Prefetto Vicario - "Interessante e costruttivo - così commenta la segreteria regionale del Sappe, il maggiore sindacato di categoria - l'incontro chiesto ed ottenuto con il Dr. Paolo D'Attilio Prefetto Vicario di Genova" "Il Vicario del Prefetto ha reso noto che a seguito della richiesta del Sappe ha convocato il Direttore dell'Istituto Dott. Salvatore Mazzeo concordando alcune linee di prevenzione. La problematica è stata anche già trattata dal Comitato per l' Ordine e la Sicurezza convenendo che quel tratto di strada sarà maggiormente controllata anche delle altre forze di Polizia".

Il Vice segretario del Sappe - Migliorelli commenta: "Abbiamo chiesto l'interessamento del Prefetto per coinvolgere anche il territorio in quello che stava diventando una vera emergenza alla quale ha ben risposto il personale di Marassi intercettando e sequestrando non solo telefonini ma anche considerevoli quantità di sostante stupefacenti. In questo modo, cioè aumentando i controlli in quel tratto di strada che costeggia il muro del carcere, sicuramente si eviteranno lanci di oggetti vietati".

ANSA

STATISTICHE CARCERI REGIONE LIGURIA
Statistiche carceri Regione Liguria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

2 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

3 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)