Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Lanciò i suoi escrementi addosso agli agenti penitenziari del carcere di Cuneo: detenuto in 41 bis ri-condannato

Polizia Penitenziaria - Lanciò i suoi escrementi addosso agli agenti penitenziari del carcere di Cuneo: detenuto in 41 bis ri-condannato


Notizia del 24/12/2014 - CUNEO
Letto (1888 volte)
 Stampa questo articolo


“Ero appena entrato in cella per ritirare l'immondizia, quando il detenuto si è avvicinato con una bottiglia di plastica tagliata e ci ha lanciato addosso il contenuto. Erano feci e urina”. L'agente di Polizia Penitenziaria ha raccontato questa mattina in tribunale a Cuneo l'episodio che lo ha visto protagonista insieme ad un altro agente.

Autore del fatto un detenuto in regime speciale di 41 bis, imputato nel processo per oltraggio a pubblico ufficiale e deturpamento di cose altrui. Pesante il suo curriculum: numerose condanne, per strage e omicidi tra tentati e consumati, oltre che per soppressione di cadavere e associazione a delinquere di stampo mafioso. Questa mattina un'altra condanna, ad un anno e quattro mesi di reclusione.

“Ho schivato il getto che ha imbrattato il muro, poi lavato dagli altri detenuti addetti alla pulizie”, ha continuato l'agente. “Lui si era già lamentato di me con il direttore del carcere, diceva che lo provocavo continuamente”. Rimostranze cui la direzione del carcere non aveva dato seguito.

Il pm ha spiegato che il 41 bis impone agli agenti un comportamento particolarmente rigoroso con i detenuti in regime speciale, volto al rispetto delle regole onde impedire che possano in qualche modo comunicare con l'esterno.

Secondo l'agente alla base del gesto ci sarebbe stato del risentimento nei suoi confronti: “Avevo segnalato un suo comportamento di supremazia, di leader sugli altri detenuti. Motivo per cui era anche stato spostato di sezione”.

Nel 2014 il tribunale di sorveglianza di Roma ha revocato dopo vent'anni il regime di 41 bis al pregiudicato. Come ha spiegato l'avvocato difensore, il detenuto, un uomo “ormai molto provato dalla prolungata detenzione” che ne ha determinato “un profondo disagio psichico con sensi di colpa e di frustrazione”, si era anche scusato dopo l'episodio per il suo comportamento.

 

targatocn

STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

5 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

8 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

9 Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 L’estate del detenuto

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!