Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Lanciò i suoi escrementi addosso agli agenti penitenziari del carcere di Cuneo: detenuto in 41 bis ri-condannato

Polizia Penitenziaria - Lanciò i suoi escrementi addosso agli agenti penitenziari del carcere di Cuneo: detenuto in 41 bis ri-condannato


Notizia del 24/12/2014 - CUNEO
Letto (1959 volte)
 Stampa questo articolo


“Ero appena entrato in cella per ritirare l'immondizia, quando il detenuto si è avvicinato con una bottiglia di plastica tagliata e ci ha lanciato addosso il contenuto. Erano feci e urina”. L'agente di Polizia Penitenziaria ha raccontato questa mattina in tribunale a Cuneo l'episodio che lo ha visto protagonista insieme ad un altro agente.

Autore del fatto un detenuto in regime speciale di 41 bis, imputato nel processo per oltraggio a pubblico ufficiale e deturpamento di cose altrui. Pesante il suo curriculum: numerose condanne, per strage e omicidi tra tentati e consumati, oltre che per soppressione di cadavere e associazione a delinquere di stampo mafioso. Questa mattina un'altra condanna, ad un anno e quattro mesi di reclusione.

“Ho schivato il getto che ha imbrattato il muro, poi lavato dagli altri detenuti addetti alla pulizie”, ha continuato l'agente. “Lui si era già lamentato di me con il direttore del carcere, diceva che lo provocavo continuamente”. Rimostranze cui la direzione del carcere non aveva dato seguito.

Il pm ha spiegato che il 41 bis impone agli agenti un comportamento particolarmente rigoroso con i detenuti in regime speciale, volto al rispetto delle regole onde impedire che possano in qualche modo comunicare con l'esterno.

Secondo l'agente alla base del gesto ci sarebbe stato del risentimento nei suoi confronti: “Avevo segnalato un suo comportamento di supremazia, di leader sugli altri detenuti. Motivo per cui era anche stato spostato di sezione”.

Nel 2014 il tribunale di sorveglianza di Roma ha revocato dopo vent'anni il regime di 41 bis al pregiudicato. Come ha spiegato l'avvocato difensore, il detenuto, un uomo “ormai molto provato dalla prolungata detenzione” che ne ha determinato “un profondo disagio psichico con sensi di colpa e di frustrazione”, si era anche scusato dopo l'episodio per il suo comportamento.

 

targatocn

STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

7 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia