Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Lanciò sangue infetto da HIV ai Poliziotti penitenziari: inizia il processo al detenuto transessuale

Polizia Penitenziaria - Lanciò sangue infetto da HIV ai Poliziotti penitenziari: inizia il processo al detenuto transessuale


Notizia del 29/05/2016 - BELLUNO
Letto (1404 volte)
 Stampa questo articolo


Sangue infetto sugli agenti. Un brasiliano di 34 anni era detenuto nella sezione transessuali del carcere di Baldenich. I ragazzi della Polizia Penitenziaria dovevano usare particolari cautele nei suoi confronti, perché sieropositivo. In un giorno di primavera, questo sudamericano era più agitato di altre volte. Addirittura intrattabile. Voleva qualcosa che non poteva assolutamente ricevere e, dalle iniziali insistenze, è passato a qualcosa di molto più pericoloso. Sia per se stesso che per coloro che dovevano occuparsi di lui, durante il loro normale turno di lavoro.

Ha impugnato una lametta da barba e si è tagliato le vene di un polso. Non era un tentativo di togliersi la vita, ma di minacciare chi gli negava quello che riteneva fosse un suo preciso diritto. Sono cinque gli agenti, che non avevano accettato di fare qualcosa contrario ai loro doveri di servizio e così si sono visti investire da schizzi di sangue infetto. Soprattutto al viso, la zona meno protetta dalla divisa del loro corpo.

Alla fine riusciranno a immobilizzare il detenuto e a portarlo in infermeria, per fargli medicare il polso sanguinante, prima di riportarlo nella sua cella.

Dovranno fare tutta una serie di esami medici, compreso naturalmente il test dell’Hiv, per verificare di non essere stati contagiati dal sangue. Da quanto si sa, il pericolo c’è effettivamente stato, ma per fortuna non si è concretizzato. Il brasiliano è stato denunciato per violenza o minaccia a pubblico ufficiale e ha dovuto affidarsi all’avvocato Tiziani, che lo difenderà nel processo penale, che comincerà lunedì prossimo, davanti al giudice Coniglio. Le parti offese sono i cinque agenti della Polizia Penitenziaria, che non si sono costituiti parte civile, in maniera da ottenere un risarcimento danni, ma saranno sicuramente sentiti, in maniera da ricostruire la vicenda.

Saranno proprio loro a dire che cosa volesse il detenuto, perché gliel’abbiano negato, malgrado insistesse e i motivi di una sua reazione tanto improvvisa quanto inaspettata, oltre che molto pericolosa.

corrierealpi

Detenuto con HIV si ferisce con una lametta e getta sangue addosso agli Agenti Penitenziari che non gli davano una sigaretta

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

3 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

4 La foto del Detenuto Evaso dall''Ospedale di Sanremo. Intanto il Sappe chiede le dimissioni del direttore

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore