Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Liberazione anticipata speciale: per la Cassazione non va concessa in caso di altri reati ostativi

Polizia Penitenziaria - Liberazione anticipata speciale: per la Cassazione non va concessa in caso di altri reati ostativi


Notizia del 29/04/2016 - ROMA
Letto (1307 volte)
 Stampa questo articolo


Corte di cassazione - Sentenza 17143/2016. Maglie larghe per la liberazione anticipata speciale quando la condanna è in continuazione. La Prima penale della Corte di Cassazione (sentenza 17143/16, depositata ieri) neutralizza la portata del reato ostativo quando la pena in fase esecutiva è "complessa", cioè frutto di un cumulo giuridico in cui compaiono appunto i reati cosiddetti ostativi - previsti tassativamente dalla legge penitenziaria - insieme a reati "comuni".

La Suprema Corte, decidendo sul ricorso di un detenuto per fatti di droga (traffico), ha stabilito che i calcoli - e quindi gli eventuali benefici - devono far riferimento alla pena irrogata in concreto, e non invece alla pena edittale dei singoli reati. I fatti di causa riguardano la decisione del Tribunale di sorveglianza di Palermo che lo scorso maggio aveva negato, confermando la scelta del magistrato di sorveglianza, la liberazione anticipata speciale a un condannato con pena "complessa" e in continuazione.

I giudici di merito avevano puntato sull'effetto ostativo "in sè" del reato del catalogo penitenziario (legge 354/1975, articolo 4-bis, nel caso specifico traffico di stupefacenti), di cui peraltro il detenuto aveva scontato la quota "rappresentativa" dentro la sentenza. I magistrati dell'esecuzione sostenevano una sorta di "effetto espansivo" del delitto più pericoloso per il quale era stata inflitta la condanna, effetto che impedirebbe la concessione degli ulteriori 45 giorni di sconto ogni sei mesi previsti dalla recente legge 10/2014.
A giudizio del difensore, la sentenza di Palermo sarebbe viziata da un'errata interpretazione della legge e si discosterebbe anche dalle Sezioni Unite sul tema, del tutto analogo, della scindibilità della condanna in materia di revoca dell'indulto (21501/2009).

Accolto questo punto - e cioè l'an della frazionabilità della pena - la Prima sezione ripercorre poi la genesi e la natura del reato continuato, articolate in sostanza sul principio del favor rei rispetto alla severità del cumulo materiale tout-court delle pene. In questo contesto, resta da valutare la portata del reato ostativo quando questo sia "satellite" rispetto al dispositivo, vale a dire più grave solo nominalmente ma in concreto più lieve rispetto ai reati comuni computati nella sommatoria della condanna inflitta.

Secondo la Cassazione fare espandere in fase esecutiva il delitto ostativo "meno grave" - rispetto agli altri caricati al condannato - è scorretto e non tiene conto della evoluzione giurisprudenziale più recente. Con la "scissione del reato continuato - scrive la Corte - i singoli reati riacquistano la loro autonomia" ma non per questo la loro valutazione deve fare riferimento a canoni astratti, cioè ai valori edittali.

Ciò che conta, invece, è l'operazione del giudice di merito nel momento in cui "costruisce" il reato continuato e talvolta - come nel caso di specie - considera meno grave il reato ostativo rispetto agli altri illeciti puniti con la stessa sentenza. Questa valutazione, aggiunge la Prima penale, segna il regime della continuazione "che si comunica anche alla fase d'esecuzione della pena relativa" e che in sostanza si definisce la "pena legale" (in accordo con la Corte Costituzionale, sentenza 312/1998). Ciò, chiosa la Corte, non permette di "recuperare, ai fini della determinazione della pena in esecuzione, quella astrattamente prevista nella cornice edittale per ciascuna fattispecie criminosa". Da qui l'annullamento del provvedimento impugnato e il rinvio al Tribunale di sorveglianza per un nuovo esame.

Il Sole 24 Ore

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

3 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

4 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

7 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

8 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

9 Seminfermo di mente e pericoloso omicida fuge da REMS: è il terzo caso in poche settimane

10 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

8 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

9 Accreditati 320 euro di bonus . Ora si attende il Decreto per le funzioni direttive a marescialli e ispettori

10 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946