Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Love rooms in carcere, intervista a Donato Capece

Polizia Penitenziaria - Love rooms in carcere, intervista a Donato Capece


Notizia del 16/05/2016 - ROMA
Letto (3885 volte)
 Stampa questo articolo


«Ci metteremo di traverso per evitare che questo provvedimento diventi realtà, siamo disposti a manifestare a oltranza. Non vogliamo passare per guardoni di Stato!». Donato Capece, segretario generale del Sappe, non ci sta e promette una fiera opposizione alle stanze del sesso in carcere.

 

Perché questa netta presa di posizione?

«Gli istituti penitenziari non sono postriboli. Gli stessi detenuti, quando per la prima volta si parlò di sex room, si dissero contrari: le loro compagne dovrebbero entrare dopo aver passato i controlli sfilando di fatto davanti agli altri col rischio di passare per quello che non sono».

 

Ma non crede sia un diritto, anche per chi è recluso in carcere, intrattenere un rapporto intimo con il proprio partner?

«Per quello esistono i permessi premio, durante i quali è possibile vivere la propria affettività come meglio si crede. Ma poi chi non ha una fidanzata cosa fa, chiede una prostituta? Chi li controlla questi? Il detenuto si chiude lì dentro da un minimo di 12 a un massimo di 24 ore e non c’è nessuno che possa verificare cosa realmente accada tra quelle mura».

 

Il problema, quindi, è più lavoro per gli agenti della penitenziaria?

«Non tanto quello, quanto piuttosto il fatto che ad oggi manca la cultura per realizzare l’idea. Alla fine tutto, a partire dall’originale principio dell’affettività che ha ispirato la proposta, si traduce nel fare sesso e basta. Qui siamo fuori da ogni logica».

 

In che senso?

«Chi commette un reato in Italia si ritrova con un lavoro retribuito, con la cassa integrazione e ora anche con il sesso in carcere. Si rischia di far passare l’idea che convenga delinquere».

 

Il carcere non è abbastanza duro?

«La pena non consiste solo nella privazione della libertà, ma anche in tutto quello che ne consegue. Dietro le sbarre li facciamo lavorare, mangiare, bere, dormire, li curiamo. Ogni detenuto costa 170 euro al giorno. Insomma, se uno commette un reato dovrà capire che non gli conviene rientrare in carcere?».

 

Può accadere, tuttavia, che reprimere gli istinti sessuali e l’affettività possa rivelarsi dannoso. Non crede?

«Mantenere i rapporti con la famiglia, con i figli è un conto. Ma da qui a dire che affettività è uguale a sesso, no. Non ci siamo. La pena deve essere più educativa, severa. Quando ci si dimentica dei reati che hanno commesso le persone recluse, ci si dimentica anche delle loro vittime. Non tutti hanno diritto a una seconda opportunità. Gli stessi "sex offender" ci chiedono spesso aiuto, consapevoli che se rimessi in libertà tornerebbero a far del male. Per loro due sono le scelte: castrazione chimica o carcere a vita. Quelli che ammazzano o picchiano le donne che diritto hanno all’affettività?».

 

Quindi c’è qualcuno tra i detenuti che potrebbe aver diritto alla sex room?

«No, possono già godere dei permessi premio».

Il tempo

LEGGI ANCHE:

Sesso in carcere, in arrivo le stanze dell''amore per i detenuti.  Per il SAPPE è una follia!

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei Funzionari del Corpo. Capitolo 2

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Al carcere di Augusta ci sono sindacati della Polizia Penitenziaria che scrivono al Garante dei detenuti

6 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

7 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

8 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo