Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Luigi Chiatti ha finito la pena. Uscirà dal carcere? Aveva detto: da libero tornerò ad uccidere

Polizia Penitenziaria - Luigi Chiatti ha finito la pena. Uscirà dal carcere? Aveva detto: da libero tornerò ad uccidere


Notizia del 04/09/2015 - FIRENZE
Letto (2070 volte)
 Stampa questo articolo


Ventidue anni e ventotto giorni oggi. 4 settembre 2015: il «fine pena» di Luigi Chiatti, scritto negli atti. Il mostro di Foligno che tra il ’92 e il ’93 uccise i piccoli Simone Allegretti, quattro anni e Lorenzo Paolucci, 13, torna libero stamattina. Forse, verrebbe da dire, perchè alla fine di una giornata convulsa tra avvocati, Dipartimento e carcere (è detenuto alla «Dogaia» di Prato) sembra che una certezza ancora non ci sia. Nè sul momento in cui si apriranno i cancelli automatici, nè sopratutto sulla destinazione: Ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo fiorentino, come appare probabile, o Rems con tutti i rischi di sicurezza per strutture non ancora ‘collaudate’?

Un’uscita «all’italiana» se, come sembra dalle incertezza che circolano, che il problema-Chiatti se lo siano posti solo ora che è scoccata l’ora X.

Chiatti il suo ‘debito’ con la giustizia lo ha comunque estinto, ma ha aperto il capitolo più spinoso: quello della pericolosità sociale. Condannato a due ergastoli in primo grado dalla Corte d’assise di Perugia il geometra di Foligno, adottato da una coppia di professionisti, fu ritenuto semi-infermo di mente in appello: 30 anni e la misura di sicurezza in un istituto di cura detentivo, come esistevano all’epoca. Peccato che la riforma li abbia aboliti dal primo aprile scorso, sostituendoli con i Rems, a carico delle Regioni. Con i tre anni di indulto e gli «sconti» sulla buona condotta (ovvero la libertà anticipata) da trenta la pena si è notevolmente ridotta e scade proprio oggi.

Resta la misura di sicurezza (che in questo caso è custodiale) confermata a luglio scorso quando un pool di esperti nominato dal tribunale di sorveglianza di Firenze sottopose «il mostro» ad accertamenti psichiatrici, stabilendo che Chiatti è ancora «socialmente pericoloso». I periti hanno stabilito che il quadro psicopatologico del geometra umbro «presenta aspetti di particolare gravità che inducono a ritenerlo persona socialmente pericolosa». Per lui hanno formulato una «diagnosi di disturbo delirante. Nelle Sacre scritture – scrivono i giudici del tribunale di sorveglianza – egli ha ritenuto di aver trovato non solo la spiegazione di quel suo agire omicida ma anche attraverso i sogni, le coincidenze, le genealogie, argomenti utili per dare un significato alla sua vita».

Tutto questo «condurrebbe Chiatti , una volta libero o anche solo meno protetto, ad agire nuovamente e non necessariamente contro minori ma anche contro qualunque persona o contro se stesso». Per questo, secondo i giudici,«deve vivere in un ambiente totalmente controllato che lo protegga e dove dovrà essere seguito soprattutto da un punto di vista psicofarmacologico e psicoterapeutico». In fondo lo disse lui stesso al processo: «Se liberò tornerò a uccidere».

Un ostacolo notevole alle vera libertà, anche perché la valutazione sulla pericolosità sociale si riproporrà tra tre anni quando ‘scade’ la misura di sicurezza. Da detenuto quindi Chiatti diventa ‘internato’ e può restare dietro le sbarre fino a quando il Dipartimento per l’amministrazione penitenziaria – ma il provvedimento deve portare la firma del giudice per l’esecuzione – non gli abbia trovato posto. La Toscana non ha ancora i Rems e l’Opg di Montelupo sembra a tutti la scelta più probabile.

lanazione.it

 

Chiusura degli OPG: la solita messinscena che crea più problemi di quanti ne risolve

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Altra incredibile follia della Amministrazione: camorrista ergastolano in cattedra alla scuola di Polizia Penitenziaria di Cairo.

5 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

6 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

7 Direttore del Carcere di Bergamo Porcino va in pensione:I miei 40 anni con i detenuti

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

4 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 La perquisizione straordinaria

7 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Lo stress dell’agente penitenziario: momento ancora possibile di cambiamento

10 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco