Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Luigi Chiatti ha finito la pena. Uscirà dal carcere? Aveva detto: da libero tornerò ad uccidere

Polizia Penitenziaria - Luigi Chiatti ha finito la pena. Uscirà dal carcere? Aveva detto: da libero tornerò ad uccidere


Notizia del 04/09/2015 - FIRENZE
Letto (1937 volte)
 Stampa questo articolo


Ventidue anni e ventotto giorni oggi. 4 settembre 2015: il «fine pena» di Luigi Chiatti, scritto negli atti. Il mostro di Foligno che tra il ’92 e il ’93 uccise i piccoli Simone Allegretti, quattro anni e Lorenzo Paolucci, 13, torna libero stamattina. Forse, verrebbe da dire, perchè alla fine di una giornata convulsa tra avvocati, Dipartimento e carcere (è detenuto alla «Dogaia» di Prato) sembra che una certezza ancora non ci sia. Nè sul momento in cui si apriranno i cancelli automatici, nè sopratutto sulla destinazione: Ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo fiorentino, come appare probabile, o Rems con tutti i rischi di sicurezza per strutture non ancora ‘collaudate’?

Un’uscita «all’italiana» se, come sembra dalle incertezza che circolano, che il problema-Chiatti se lo siano posti solo ora che è scoccata l’ora X.

Chiatti il suo ‘debito’ con la giustizia lo ha comunque estinto, ma ha aperto il capitolo più spinoso: quello della pericolosità sociale. Condannato a due ergastoli in primo grado dalla Corte d’assise di Perugia il geometra di Foligno, adottato da una coppia di professionisti, fu ritenuto semi-infermo di mente in appello: 30 anni e la misura di sicurezza in un istituto di cura detentivo, come esistevano all’epoca. Peccato che la riforma li abbia aboliti dal primo aprile scorso, sostituendoli con i Rems, a carico delle Regioni. Con i tre anni di indulto e gli «sconti» sulla buona condotta (ovvero la libertà anticipata) da trenta la pena si è notevolmente ridotta e scade proprio oggi.

Resta la misura di sicurezza (che in questo caso è custodiale) confermata a luglio scorso quando un pool di esperti nominato dal tribunale di sorveglianza di Firenze sottopose «il mostro» ad accertamenti psichiatrici, stabilendo che Chiatti è ancora «socialmente pericoloso». I periti hanno stabilito che il quadro psicopatologico del geometra umbro «presenta aspetti di particolare gravità che inducono a ritenerlo persona socialmente pericolosa». Per lui hanno formulato una «diagnosi di disturbo delirante. Nelle Sacre scritture – scrivono i giudici del tribunale di sorveglianza – egli ha ritenuto di aver trovato non solo la spiegazione di quel suo agire omicida ma anche attraverso i sogni, le coincidenze, le genealogie, argomenti utili per dare un significato alla sua vita».

Tutto questo «condurrebbe Chiatti , una volta libero o anche solo meno protetto, ad agire nuovamente e non necessariamente contro minori ma anche contro qualunque persona o contro se stesso». Per questo, secondo i giudici,«deve vivere in un ambiente totalmente controllato che lo protegga e dove dovrà essere seguito soprattutto da un punto di vista psicofarmacologico e psicoterapeutico». In fondo lo disse lui stesso al processo: «Se liberò tornerò a uccidere».

Un ostacolo notevole alle vera libertà, anche perché la valutazione sulla pericolosità sociale si riproporrà tra tre anni quando ‘scade’ la misura di sicurezza. Da detenuto quindi Chiatti diventa ‘internato’ e può restare dietro le sbarre fino a quando il Dipartimento per l’amministrazione penitenziaria – ma il provvedimento deve portare la firma del giudice per l’esecuzione – non gli abbia trovato posto. La Toscana non ha ancora i Rems e l’Opg di Montelupo sembra a tutti la scelta più probabile.

lanazione.it

 

Chiusura degli OPG: la solita messinscena che crea più problemi di quanti ne risolve

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

7 Uno Bianca, i fratelli Savi nello stesso carcere

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Gratteri, Ardita, Stati Generali... fino ad oggi sono state ignorate tutte le proposte di riforma della Polizia Penitenziaria ...il 2018 sarà l’anno buono?

3 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

7 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

8 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia

9 Il servizio di tutoring e la beneficienza all''amministrazione

10 Per il Ministro Orlando il nostro sistema per minori è tra i migliori d’Europa