Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Mafia: verbale di Ispettore di Polizia Penitenziaria su dichiarazioni Bidognetti, solleva le ire del PDL

Polizia Penitenziaria - Mafia: verbale di Ispettore di Polizia Penitenziaria su dichiarazioni Bidognetti, solleva le ire del PDL


Notizia del 09/09/2012 - PARMA
Letto (4501 volte)
 Stampa questo articolo


Il boss Francesco Bidognetti, 61 anni, che è stato braccio destro del capo dei casalesi Francesco Schiavone, detto Sandokan, il 4 luglio, due mesi fa, è stato uno dei tre interlocutori dei parlamentari Giuseppe Lumia e Sonia Alfano, nel carcere di Parma. Una visita che aveva già creato molte polemiche. Durante quel colloquio, secondo quanto risulta da una verbalizzazione fatta da un ufficiale di polizia, il boss ha mandato un messaggio: ai parlamentari «colpevoli quanto lui» e che devono essere arrestati. Lo riferisce Il Mattino.

«Dal Mattino di oggi apprendiamo maggiori particolari di una verbalizzazione fatta da un ufficiale di Polizia penitenziaria dei colloqui avuti dagli onorevole Sonia Alfano e Lumia con il camorrista Bidognetti, in dispregio della legge che regola le visite dei parlamentari ai detenuti». Lo afferma il presidente dei deputati Pdl Fabrizio Cicchitto. «Quello che emerge -continua - è di una gravità straordinaria, sia perché èaddirittura clamorosa la violazione della legge sia perché questa irresponsabile iniziativa ha consentito, a parere dei magistrati della Dda di Napoli, al capo-camorrista Bidognetti di inviare messaggi obliqui e ricattatori non si sa bene a chi».

«Questi - aggiunge - sono i risultati di iniziative che, invece di essere verbalizzate, avrebbero dovuto essere tempestivamente bloccate mentre i colloqui erano in corso, proprio perché la violazione della legge è clamorosa. E la presenza degli agenti di Polizia Penitenziaria è motivata proprio dalla necessità di fare in ogni caso rispettare la legge nel corso dei colloqui. Da quello che riferisce Il Mattino si èarrivati fino al punto che uno dei due parlamentari ha consigliato a Bidognetti di «rivolgersi a un bravo chirurgo», cioè al «magistrato giusto».

Per Cicchitto «tutto ciò dimostra che siamo arrivati in un certo senso al punto estremo dell'esercizio del giustizialismo che non viene più portato avanti solo da magistrati cosi esplicitamente politicizzati come coloro - Ingroia solo per fare un esempio - che oggi alla Versiliana partecipano alla Festa del loro giornale, ma anche da alcuni parlamentari che lavorano nelle carceri sul piano investigativo». 

«Tutto ciò però - prosegue il capogruppo Pdl alla Camera - chiama in causa e in modo assai rilevante il ministro di Grazia e Giustizia e il direttore del Dap che hanno la responsabilità di assicurare il rispetto della legge e di intervenire, non con frasi di circostanza,quando essa viene violata. Questa violazione, infatti, costituisce un vulnus non solo alla legge ma allo stato di diritto in quanto tale».

«Infatti nel momento in cui i parlamentari appartenenti a partiti o gruppi giustizialisti non solo possono, come è giusto, svolgere liberamente la loro azione politica, ma addirittura la traducono in attività investigativa, è evidente che qualcosa di profondo si èrotto nella legittimità del funzionamento dello Stato. Ci ripromettiamo - conclude - di investire del problema per la sua gravità non solo l'autoritàdi governo, ma anche l'autorità massima dello Stato che presiede il Csm».

La conversazione è riportata in diciotto righe delle tre pagine di verbale e che riassumono trentasette minuti di conversazione, dalle 18,51 alle 19,28. Un verbale sintetico, nessun virgolettato. Prima, c’è la conversazione tra Lumia, Alfano e il capo di Cosa Nostra Bernardo Provenzano; dopo, quella con Antonino Cinà, il medico dello stesso Provenzano e di Totò Riina. 

gazzettino.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Arretrati a Forze dell''Ordine, bidelli e docenti: ecco data ufficiale e importi

4 Altra incredibile follia della Amministrazione: camorrista ergastolano in cattedra alla scuola di Polizia Penitenziaria di Cairo.

5 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

6 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

7 Direttore del Carcere di Bergamo Porcino va in pensione:I miei 40 anni con i detenuti

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Il Ministro Orlando, la riforma penitenziaria e il depotenziamento del GOM

3 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

4 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 La perquisizione straordinaria

7 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto

8 Lo stress dell’agente penitenziario: momento ancora possibile di cambiamento

9 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

10 Video: detenuti che puliscono i parchi di Roma accompagnati dalla Polizia Penitenziaria