Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Manca l'aria in tribunale, udienze rinviate

Polizia Penitenziaria - Manca l'aria in tribunale, udienze rinviate


Notizia del 31/10/2013 - CATANIA
Letto (1525 volte)
 Stampa questo articolo


CATANIA - In Tribunale non s'era mai visto. Un giudice che sospende l'udienza ed emette un'ordinanza nella quale rinvia tutti i processi in calendario per un «problema di vivibilità dell'aula». E' accaduto ieri mattina nella terza aula dell'ex pretura in via Crispi. Il gip Santino Mirabella ha rinviato tutti i processi che avrebbe dovuto trattare, una ventina, per l'impossibilità di «lavorare in maniera dignitosa in un buco senza ricambio d'aria».

Nell'aula terza, infatti, le uniche prese d'aria sono degli «oblò» sul soffitto che ieri erano chiusi e, secondo il calendario, non è più tempo di aria condizionata. «Io qui rappresento l'istituzione - ha detto ieri il gip in aula - e le istituzioni si devono rappresentare in maniera dignitosa all'utenza. Non possiamo stare qui ammassati come in un carro bestiame. Non possono i testi aspettare, per ore, ed uscire sudati ed in alcuni casi accusando dei malori. Spesso mi è capitato di chiamarli e di sentirmi dire "se n'è andato perchè si è sentito male"».

Un malore, la settimana scorsa lo ha accusato lo stesso giudice Mirabella che è svenuto in aula mentre celebrava un processo ed è stato portato via in barella. «Il problema - ha aggiunto - non è personale. L'unica presa d'aria che c'è in quest'aula sono i bocchettoni, oggi chiusi. Certo, la situazione è quella che è, e lo sappiamo noi operatori di giustizia impegnati quotidianamente in queste aule. Ma qui il problema è che ci perdiamo la faccia, tutti, di fronte agli utenti. Come si può accogliere un cittadino in un posto iniquo da tutti i punti di vista? Siamo costretti a fare udienze in aule piccole, dove ci sono spesso 60/70 persone, senza finestre, senza aria condizionata con detenuti accompagnati (in manette) dagli agenti della Polizia Penitenziaria, spesso costretti a stare gomito a gomito con i testi del processo. Ho segnalato queste cose al presidente del Tribunale e ho apprezzato moltissimo la sua buona volontà, ma non si può più lavorare in queste condizioni».

Al grido di dolore del giudice Mirabella si sono uniti, ieri in udienza anche gli avvocati. Per tutti l'avvocato Fabrizio Seminara che si è espresso sulla stessa lunghezza d'onda sottolinenando l'assenza di ricambio d'aria e per i difensori, anche il problema di posti a sedere e l'impossibilità a portare con sè le "carte", perché non c'è dove mettere materialmente i faldoni.

Tutti problemi che il presidente del Tribunale, Bruno Di Marco, cui è stata inviata copia dell'ordinanza preventiva (trasmessa anche al presidente della Corte d'appello, al procuratore della Repubblica, al dirigente dell'Asp di Catania, al sindaco Bianco e all'assessore alle Manutenzioni, al presidente del Consiglio dell'Ordine e al ministero della Giustizia), conosce bene.

«Riconosco che le condizioni delle aule non sono il massimo - ha dichiarato il presidente Di Marco - sia per l'utenza sia per chi ci lavora, ma è così da sempre. Stamattina (ieri ndr), nonostante io avessi già ordinato di far aprire i bocchettoni venerdì scorso, ho chiesto nuovamente agli operai del Comune (cui spetta la manutenzione dell'edificio dell'ex pretura ndr) di aprirli e un funzionario del Comune è venuto da me ad assicurarmi che era stato fatto. Certo, in un momento in cui le risorse non sono sufficienti, tanto per usare un eufemismo, non ho chiesto il ripristino dell'aria condizionata che, tra l'altro, non si può ripristinare per legge. Se poi abbiamo avuto un ottobre con temperature estive non è colpa di nessuno... ».

lasicilia.it 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

7 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

6 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

9 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia