Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Mannino avrebbe fatto pressioni sul DAP per togliere 41-bis: lo rivela agente della scorta di Di Maggio

Notizia del 28/02/2012 - PALERMO

Mannino avrebbe fatto pressioni sul DAP per togliere 41-bis: lo rivela agente della scorta di Di Maggio

letto 1928 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi
Sceglie di non rispondere ai pm Calogero Mannino, indagato a Palermo per attentato a corpo politico dello Stato assieme al gotha di Cosa Nostra e a Marcello Dell'Utri. Tace di fronte ai magistrati ma è loquace con i giornalisti cui affida la propria indignata difesa.
 
Secondo quanto è trapelato Mannino sarebbe accusato di aver fatto pressione sul Dap (Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria) affinché fosse alleviato il 41 bis ad alcuni boss mafiosi. Il principale testimone sarebbe un agente di scorta dell'ex vicedirettore del dipartimento penitenziario Francesco Di Maggio che avrebbe assistito ad una conversazione telefonica tra il funzionario e il politico proprio su questo tema.
 
Il movente che avrebbe spinto Mannino sarebbe stata la paura. Consapevole di essere il prossimo dopo Lima nella lista nera di Cosa Nostra si sarebbe adoperato presso il generale Subranni e Bruno Contrada per avviare un piano per salvarsi la vita. Di qui la famosa trattativa.

Lo stesso Nicola Mancino tra le tante amnesie dietro le quali nasconde chissà quale verità ha testimoniato l'altro giorno al "processo Mori" di aver parlato con Mannino in quei giorni e che questi gli avrebbe confidato di temere per la propria incolumità dopo l' assassinio di Lima. Nega anche questo l'ex ministro, "forse Mancino si ricorda male”, ha proseguito nella sua arringa difensiva. Per il momento quindi tante contraddizioni e nessuna chiarezza dai testimoni di quel tempo, la ricerca della verità deve passare ancora una volta dall'unica porta di un'aula di giustizia.
 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

4 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

7 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

8 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

9 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

10 Grappa artigianale preparata dai detenuti nel carcere di Bologna


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

8 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

9 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

10 Riordino: perché negare l’evidenza dei benefici?