Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Marino e Francesco, Poliziotto penitenziario: vivono da 18 anni insieme, sono la prima unione civile a Cremona

Polizia Penitenziaria - Marino e Francesco, Poliziotto penitenziario: vivono da 18 anni insieme, sono la prima unione civile a Cremona


Notizia del 20/06/2014 - CREMONA
Letto (4692 volte)
 Stampa questo articolo


«Domani faremo una grande festa a casa nostra. Lasceremo aperto il cancello e chi vorrà festeggiare con noi sarà il benvenuto». Lo dicono Marino e Francesco, prima coppia gay a essere iscritta nell’albo delle unioni civili di un paese del Cremasco. È successo a Rivolta d’Adda. L’albo è stato approvato quasi tre anni fa, il 29 novembre 2011 su proposta degli appartenenti al gruppo «Rivolta delle Idee». Ma da allora nessuno si è iscritto, fin quando Marino Facchetti, il quale ha 58 anni ed è da generazioni di Rivolta d’Adda, ne è venuto a conoscenza. Ne ha parlato con il suo compagno, Francesco Fodarella e insieme hanno deciso di iscriversi.

Perché? «Perché abbiamo il dovere di pagare le tasse e quindi è giusto che abbiamo anche qualche diritto. Ci siamo conosciuti a Milano, in un parco, diciotto anni fa. Era il 17 giugno. Io ero su una panchina e lui passava. L’ho guardato, gli ho chiesto se voleva una sigaretta, mi ha risposto che non fumava. La conversazione non si è interrotta lì ma è continuata e quindi abbiamo cominciato a frequentarci».

Problemi? «I soliti. Sono in tanti che ci vogliono bene, ma qualcuno non vuole capire. Noi non abbiamo mai fatto mistero della nostra scelta. Per i primi dieci anni abbiamo vissuto qui a Rivolta, con mia mamma. Da otto anni, invece, siamo solo noi. I miei parenti e i suoi sono al corrente della situazione e anche i colleghi di Francesco, il quale fa il Poliziotto penitenziario a S. Vittore».

In Comune dicono che l’iscrizione all’albo dà solo qualche agevolazione a livello di Isee e per iscriversi al registro è necessario un’autocertificazione nella quale si dichiara che si vive insieme da almeno un anno. Naturalmente c’è la residenza che lo testimonia. Tuttavia, questo non apre le porte ad altre possibilità, come poter assistere uno dei due se malato e in ospedale. «Sì, lo sappiamo. Ma devo dire – aggiunge Marino che ogni tanto è in ospedale per delle cure - che i medici non fanno problemi. Per quanto riguarda l’aspetto squisitamente pratico, io ho già scritto il mio testamento biologico e ho demandato a Francesco tutte le decisioni, qualora io non sia più in grado di prenderle. Inoltre, lui è il mio erede. Tutto questo davanti a un notaio». Marino e Francesco, una storia alla luce del sole da 18 anni, con tanti amici pronti a festeggiare con loro, domani con i cancelli di casa aperti.

ilgiorno.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Aumenti contrattuali e arretrati: per il Sappe sono inaccettabili i ritardi. Se non saranno in busta paga aprile mobilitazione del personale

2 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

3 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

4 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

5 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Per il Garante dei Detenuti se non condividi la riforma, o non l’hai letta o non l’hai capita

8 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

9 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico