Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Marino e Francesco, Poliziotto penitenziario: vivono da 18 anni insieme, sono la prima unione civile a Cremona

Polizia Penitenziaria - Marino e Francesco, Poliziotto penitenziario: vivono da 18 anni insieme, sono la prima unione civile a Cremona


Notizia del 20/06/2014 - CREMONA
Letto (4288 volte)
 Stampa questo articolo


«Domani faremo una grande festa a casa nostra. Lasceremo aperto il cancello e chi vorrà festeggiare con noi sarà il benvenuto». Lo dicono Marino e Francesco, prima coppia gay a essere iscritta nell’albo delle unioni civili di un paese del Cremasco. È successo a Rivolta d’Adda. L’albo è stato approvato quasi tre anni fa, il 29 novembre 2011 su proposta degli appartenenti al gruppo «Rivolta delle Idee». Ma da allora nessuno si è iscritto, fin quando Marino Facchetti, il quale ha 58 anni ed è da generazioni di Rivolta d’Adda, ne è venuto a conoscenza. Ne ha parlato con il suo compagno, Francesco Fodarella e insieme hanno deciso di iscriversi.

Perché? «Perché abbiamo il dovere di pagare le tasse e quindi è giusto che abbiamo anche qualche diritto. Ci siamo conosciuti a Milano, in un parco, diciotto anni fa. Era il 17 giugno. Io ero su una panchina e lui passava. L’ho guardato, gli ho chiesto se voleva una sigaretta, mi ha risposto che non fumava. La conversazione non si è interrotta lì ma è continuata e quindi abbiamo cominciato a frequentarci».

Problemi? «I soliti. Sono in tanti che ci vogliono bene, ma qualcuno non vuole capire. Noi non abbiamo mai fatto mistero della nostra scelta. Per i primi dieci anni abbiamo vissuto qui a Rivolta, con mia mamma. Da otto anni, invece, siamo solo noi. I miei parenti e i suoi sono al corrente della situazione e anche i colleghi di Francesco, il quale fa il Poliziotto penitenziario a S. Vittore».

In Comune dicono che l’iscrizione all’albo dà solo qualche agevolazione a livello di Isee e per iscriversi al registro è necessario un’autocertificazione nella quale si dichiara che si vive insieme da almeno un anno. Naturalmente c’è la residenza che lo testimonia. Tuttavia, questo non apre le porte ad altre possibilità, come poter assistere uno dei due se malato e in ospedale. «Sì, lo sappiamo. Ma devo dire – aggiunge Marino che ogni tanto è in ospedale per delle cure - che i medici non fanno problemi. Per quanto riguarda l’aspetto squisitamente pratico, io ho già scritto il mio testamento biologico e ho demandato a Francesco tutte le decisioni, qualora io non sia più in grado di prenderle. Inoltre, lui è il mio erede. Tutto questo davanti a un notaio». Marino e Francesco, una storia alla luce del sole da 18 anni, con tanti amici pronti a festeggiare con loro, domani con i cancelli di casa aperti.

ilgiorno.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

4 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

5 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

6 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

7 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

8 Arrestato di nuovo boss Concetto Bonaccorsi: era evaso da permesso premio dal carcere di Secondigliano

9 Palermo, i familiari di Francesca Morvillo lasciano la fondazione Giovanni Falcone

10 Lanciano, poliziotti penitenziari costretti a saltare i pasti


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

8 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

9 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

10 Riordino: perché negare l’evidenza dei benefici?