Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Mastella: "l'indulto? Ha funzionato, la Polizia Penitenziaria se n'è accorta"

Polizia Penitenziaria - Mastella:


Notizia del 11/05/2011 - NAPOLI
Letto (2086 volte)
 Stampa questo articolo


Nel corso di un incontro con gli agenti della polizia penitenziaria, Clemente Mastella ha detto: «L'indulto ha funzionato. Ma quasi nessuno lo dice. A dispetto di un' ossessiva campagna mediatica, che ha tentato di demolirlo e di demonizzarlo, l' indulto si è dimostrato efficace, al punto che la percentuale di recidiva è crollata dal 68 al 27 per cento. Per alcune categorie, addirittura al 18 per cento.Uno studio di livello universitario, molto accurato, pubblicato da un solo grande quotidiano nazionale, ha dimostrato che, in alcuni casi, ben 9 beneficiari su 10 non sono mai più rientrati in carcere. Questi sono i fatti, ben lontani da certi giudizi negativi e affrettati, condizionati dalla volontà di colpire la mia persona». Il candidato a sindaco di Napoli per l'Udeur ha voluto ringraziare gli uomini della Polizia penitenziaria, perchè «hanno saputo giudicare l'indulto per quello che è stato, senza pregiudizio, valorizzandone i tanti risvolti positivi». Mastella ha aggiunto: «L'indulto è stato un provvedimento corretto sul piano costituzionale, un gesto opportuno sul piano dei valori, delle convinzioni cristiane. Piuttosto - ha continuato l'ex ministro della Giustizia rivolto sempre agli agenti penitenziari - devo lamentare le difficili, drammatiche condizioni delle carceri napoletane, condizioni che voi ben conoscete. A paragone con altre esperienze, bisogna prendere atto che una certa borghesia, quella che io chiamo borghesia vippaiola e giustizialista, niente fa e niente ha fatto per contribuire, con generosità, a rendere più sopportabile, più umana la condizione carceraria a Napoli. Se non fosse per l'impegno del volontariato, della Chiesa, sarebbe davvero il deserto».

leggo.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

9 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”