Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Maxi processo alla ’’ndrangheta non si può fare: l’’aula bunker del carcere di Bologna è inagibile

Polizia Penitenziaria - Maxi processo alla ’’ndrangheta non si può fare: l’’aula bunker del carcere di Bologna è inagibile


Notizia del 18/03/2015 - BOLOGNA
Letto (1837 volte)
 Stampa questo articolo


Cercasi aula per il maxi-processo disperatamente. L’inchiesta Aemiliadella Procura sulla presenza dei clan calabresi nella nostra regione ha segnato un punto di svolta sotto molti aspetti. Mai si era vista prima un’indagine di quelle proporzioni in Emilia Romagna, con oltre cento arrestati quali (presunti) affiliati o fiancheggiatori della ’ndrangheta. Mai si era visto un tale coinvolgimento di imprenditori locali, politici, giornalisti, perfino appartenenti alle forze dell’ordine. 

«Nulla sarà più come prima», ha detto il pm della Direzione nazionale antimafia Roberto Pennisi, applicato a Bologna al fianco del pm titolare dell’inchiesta, Marco Mescolini, della Dda bolognese. E aveva ragione. Anche perché l’indagine ha messo in luce un aspetto a dir poco sconcertante della giustizia bolognese. Si tratta di un problema molto serio: né in Tribunale né in Corte d’appello c’è un’aula abbastanza grande in cui celebrare il futuro maxi-processo. Serve infatti uno spazio capace di ospitare oltre trecento persone, fra arrestati e relativi avvocati. E a Palazzo Pizzardi, sede del nuovo Tribunale inaugurato ufficialmente appena tre anni fa, semplicemente non c’è. 

Della spinosa questione è ben consapevole il presidente del Tribunale, Francesco Scutellari: «E’ vero, bisognerà trovare un luogo idoneo per lo svolgimento della futura udienza preliminare – dice –. In Tribunale un’aula abbastanza grande non c’è. Io e il procuratore Roberto Alfonso ci siamo posti il problema e abbiamo già avuto contatti informali con il Comune. L’unica soluzione è trovare una struttura come un cinema, una palestra, un’aula magna, attrezzata però con le necessarie misure di sicurezza. E questo compito spetta al Comune».

I tempi, anche se non strettissimi, non sono nemmeno così lontani. Il pm Mescolini, dopo che il Riesame avrà depositato le motivazioni (una trentina di indagati ha fatto ricorso contro le misure cautelari), chiuderà probabilmente l’inchiesta con gli avvisi di fine indagine, cui seguiranno le richieste di rinvio a giudizio. Sarà questione di qualche mese e si dovrà andare in aula. 

Ma non sarà semplice trovare una struttura adeguata. Non è infatti solo questione di spazio, ma anche, e soprattutto, di sicurezza. Si tratta infatti di persone accusate di criminalità mafiosa e dunque l’aula dovrà avere le gabbie per contenere oltre cento arrestati (gli indagati, in totale, sono più di 200). Poi servirà uno spazio all’esterno capace di accogliere decine di cellulari della Polizia Penitenziaria. E serviranno i percorsi dedicati in cui far passare i detenuti. Un’impresa, appunto, non facile. 

«Il problema sarebbe stato risolto alla radice – continua Scutellari – se avessimo potuto usare l’aula bunker della Dozza. Purtroppo, come noto, è abbandonata e inutilizzabile. In passato si era parlato di un progetto di recupero ed erano stati stanziati i fondi, ma poi tutto si è fermato. Ora perciò non ci resta che aspettare una risposta dal Comune, da noi contattato alcuni giorni fa. Per fortuna abbiamo alcuni mesi di margine. Certo, bisogna pensarci in tempi brevi».

Scutellari negli anni scorsi aveva pesantemente criticato il palazzo del nuovo Tribunale, ritenuto non idoneo sotto il profilo della sicurezza. Ora si aggiunge questo ulteriore problema, che certo non depone a favore di Palazzo Pizzardi e della decisione di trasferire lì gli uffici giudiziari. 

ilrestodelcarlino.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Aumenti contrattuali e arretrati: per il Sappe sono inaccettabili i ritardi. Se non saranno in busta paga aprile mobilitazione del personale

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

4 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

5 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Per il Garante dei Detenuti se non condividi la riforma, o non l’hai letta o non l’hai capita

8 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

9 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”