Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Maxi rissa nel Carcere femminile di Roma Rebibbia

Polizia Penitenziaria - Maxi rissa nel Carcere femminile di Roma Rebibbia


Notizia del 27/09/2016 - ROMA
Letto (7040 volte)
 Stampa questo articolo


Il 15 settembre alle ore 18:50 circa  presso il reparto “Camerotti” del carcere femminile di Roma Rebibbia, organizzato secondo il modello della “Vigilanza Dinamica”, si è verificata una maxi rissa  contenuta  soltanto grazie alla prontezza  delle due unità di Polizia Penitenziaria  in servizio, intervento  per il quale una delle due colleghe è stata refertata dal Medico di Guardia ed inviata al Pronto soccorso ospedaliero.

Il tutto ha avuto origine da un litigio tra detenute ristrette in una cella del  1° primo piano del reparto ma, in pochi secondi, le stesse sono state raggiunte da un gran numero di detenute provenienti dagli altri piani le quali, senza alcuna esitazione, hanno proseguito ad alimentare la rissa partecipandone attivamente.

Grazie all’intervento del Personale di Polizia Penitenziaria in servizio si è potuto evitare il peggio, al  momento del fatto erano presenti  soltanto due poliziotte penitenziarie per circa 160 detenute ristrette presso il reparto , una delle quali  durante l’intervento per sedare la rissa è rimasta infortunata.

Un banale  litigio iniziato per una confezione di shampoo per capelli che è degenerato a seguito  della partecipazione delle detenute degli altri piani,  partecipazione  che il personale in servizio al piano terra non ha potuto impedire a causa della mancata automatizzazione con comando a distanza  delle porte di ingresso dei piani.

Sotto accusa ancora una volta  il “regime penitenziario aperto” in atto nell’Istituto femminile romano effettuato con la cronica mancanza di personale e senza l’ausilio di validi strumenti che possano potenziare i livelli di sicurezza.

 

sappeinfroma

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)