Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Mazzeo riconfermato, ma procedimento disciplinare resta: "sono molto amareggiato"

Polizia Penitenziaria - Mazzeo riconfermato, ma procedimento disciplinare resta:


Notizia del 09/01/2014 - GENOVA
Letto (1465 volte)
 Stampa questo articolo


Durerà almeno un mese e mezzo la procedura disciplinare nei confronti del Direttore del carcere di Marassi Salvatore Mazzeo, sotto accusa per le dichiarazioni rilasciate dopo la fuga del serial killer Salvatore Galliano.

Mazzeo è rientrato in servizio dopo un periodo di ferie due giorni fa e non ha ricevuto nessuna lettera di trasferimento.

Mazzeo, in sostanza, spiegano fonti del Dap, non è mai stato formalmente rimosso dalla direzione del Marassi e di conseguenza non c'è stato alcun reintegro. Al direttore, quindi, non è mai arrivata una lettera di trasferimento, azione per la quale non ci sarebbero stati gli estremi.

Di fatto, spiegano inoltre dal ministero della Giustizia, la decisione di un trasferimento nei confronti di Mazzeo, così come quella di un qualsiasi pubblico dipendente, non può essere per così dire coatta: questo, tra l'altro, avrebbe solo l'effetto, molto probabile, di produrre un contenzioso di fronte al Tar.

E a Primocanale Mazzeo spiega cosa è successo: "Semplicemente sono tornato dalla ferie, e non mi è arrivato nessun provvedimento. Questa vicenda mi ha molto amareggiato ma sono rimasto colpito dall'affetto e dalla solidarietà di agenti di Polizia Penitenziaria e detenuti. Non me lo sarei aspettato".

Poi Mazzeo aggiunge: "Sono un direttore dinamico, su di me ci sono molte attese anche perchè sono qui da 11 anni. Il ministro Cancellieri? L'ho sentita per uno scambio di auguri affettuoso a Natale e la ringrazio".

Infine una battuta anche "a margine" della vicenda Galliano: "C'è bisogno di correttivi-dice Mazzeo- sulla concessione di permessi per i detenuti con problemi psichiatrici".

www.primocanale.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LIGURIA
Statistiche carceri Regione Liguria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

7 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”