Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Minacce a Magistrati dal clan dei casalesi: informative partite da intercettazioni della Polizia Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Minacce a Magistrati dal clan dei casalesi: informative partite da intercettazioni della Polizia Penitenziaria


Notizia del 08/07/2015 - CASERTA
Letto (1895 volte)
 Stampa questo articolo


Intimidazioni nei confronti degli inquirenti attraverso espressioni come «devo farlo uccidere?» oppure «ho paura che all’improvviso fanno una stupidaggine: con una informativa del Dipartimento amministrazione penitenziaria (Dap) viene lanciato l’allarme per i rischi che corrono i magistrati impegnati nelle indagini sul clan dei Casalesi.

L’allarme in udienza

La relazione, depositata oggi all’udienza di un processo in corso davanti al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, è basata sul contenuto di intercettazioni ambientali (fatte tra il 2013 e lo scorso marzo) in carcere dei colloqui tra il bossMichele Zagaria, uno dei capi dell’organizzazione arrestato dopo una lunga latitanza, e i familiari.

«Avvertimenti»

Il rapporto del Dap contiene anche relazioni di servizio di agenti penitenziari ai quali rivolse la parola Zagaria con lo scopo, secondo gli investigatori, di lanciare avvertimenti ai magistrati. Dalle parole del boss emergono «momenti di autentica fibrillazione» e uno stato di animo di rancore covato da Zagaria, soprattutto nei confronti del pm della Dda Catello Maresca, uno dei magistrati titolari delle principali inchieste sulle attività della cosca.

«Fuori qualcosa ancora posso fare»

«Stiamo attenti perché vogliono trovare il pelo nell’uovo..io mi metto paura di una cosa sola: che all’improvviso prendono e fanno un’altra stupidaggine (indica i familiari presenti come per coinvolgerli, spiegano gli investigatori)...mi sono spiegato?»: è il brano di una intercettazione a carico di Zagaria eseguita il 20 marzo scorso. «Io sto facendo il mestiere mio, però se tu lo strumentalizzi..» è un’altra frase dal contenuto ritenuto intimidatorio in un momento in cui il boss appare esacerbato soprattutto dopo l’arresto della sorella, Elvira Zagaria. Nella informativa sono riportati anche alcuni passaggi delle relazioni di servizio fatte da alcuni agenti penitenziari ai quali rivolse la parola il boss. «La prossima volta che vado in videoconferenza e c’è il magistrato Maresca gli dico che mi ha rotto le palle visto che si è accanito su di me». E poi ancora: «Mi devo ammazzare oppure lo devo fare uccidere fuori. Brigadiere, fuori ancora qualcosa posso fare».

Le minacce a Ruotolo

La relazione contiene anche le minacce rivolte al giornalista Sandro Ruotolo per un servizio su La7 assieme a Schiavone a Casale di Principe, che hanno reso necessaria la tutela del giornalista da parte delle forze dell’ordine: «Come quell’altro, Ruotolo che dice che io avevo contatti con i servizi segreti..questo...che ti possano squartare vivo! Ma io dico, perché ti permetti di dire queste cose! Allora io dico queste sono infangate».

corrieredelmezzogiorno.corriere.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

6 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

7 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

8 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

9 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

10 Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

9 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera