Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Minacce a Magistrati dal clan dei casalesi: informative partite da intercettazioni della Polizia Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Minacce a Magistrati dal clan dei casalesi: informative partite da intercettazioni della Polizia Penitenziaria


Notizia del 08/07/2015 - CASERTA
Letto (2031 volte)
 Stampa questo articolo


Intimidazioni nei confronti degli inquirenti attraverso espressioni come «devo farlo uccidere?» oppure «ho paura che all’improvviso fanno una stupidaggine: con una informativa del Dipartimento amministrazione penitenziaria (Dap) viene lanciato l’allarme per i rischi che corrono i magistrati impegnati nelle indagini sul clan dei Casalesi.

L’allarme in udienza

La relazione, depositata oggi all’udienza di un processo in corso davanti al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, è basata sul contenuto di intercettazioni ambientali (fatte tra il 2013 e lo scorso marzo) in carcere dei colloqui tra il bossMichele Zagaria, uno dei capi dell’organizzazione arrestato dopo una lunga latitanza, e i familiari.

«Avvertimenti»

Il rapporto del Dap contiene anche relazioni di servizio di agenti penitenziari ai quali rivolse la parola Zagaria con lo scopo, secondo gli investigatori, di lanciare avvertimenti ai magistrati. Dalle parole del boss emergono «momenti di autentica fibrillazione» e uno stato di animo di rancore covato da Zagaria, soprattutto nei confronti del pm della Dda Catello Maresca, uno dei magistrati titolari delle principali inchieste sulle attività della cosca.

«Fuori qualcosa ancora posso fare»

«Stiamo attenti perché vogliono trovare il pelo nell’uovo..io mi metto paura di una cosa sola: che all’improvviso prendono e fanno un’altra stupidaggine (indica i familiari presenti come per coinvolgerli, spiegano gli investigatori)...mi sono spiegato?»: è il brano di una intercettazione a carico di Zagaria eseguita il 20 marzo scorso. «Io sto facendo il mestiere mio, però se tu lo strumentalizzi..» è un’altra frase dal contenuto ritenuto intimidatorio in un momento in cui il boss appare esacerbato soprattutto dopo l’arresto della sorella, Elvira Zagaria. Nella informativa sono riportati anche alcuni passaggi delle relazioni di servizio fatte da alcuni agenti penitenziari ai quali rivolse la parola il boss. «La prossima volta che vado in videoconferenza e c’è il magistrato Maresca gli dico che mi ha rotto le palle visto che si è accanito su di me». E poi ancora: «Mi devo ammazzare oppure lo devo fare uccidere fuori. Brigadiere, fuori ancora qualcosa posso fare».

Le minacce a Ruotolo

La relazione contiene anche le minacce rivolte al giornalista Sandro Ruotolo per un servizio su La7 assieme a Schiavone a Casale di Principe, che hanno reso necessaria la tutela del giornalista da parte delle forze dell’ordine: «Come quell’altro, Ruotolo che dice che io avevo contatti con i servizi segreti..questo...che ti possano squartare vivo! Ma io dico, perché ti permetti di dire queste cose! Allora io dico queste sono infangate».

corrieredelmezzogiorno.corriere.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Bambino di 5 anni muore in piscina: il papà è un Agente della Polizia Penitenziaria

2 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

3 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

4 Agente di Polizia Penitenziaria e arbitro per i detenuti AS: nuovo posto di servizio nel carcere di Terni

5 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

6 Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

7 Matrimonio tra Poliziotta penitenziaria e detenuto: lei lo aiutò ad evadere dal carcere svizzero

8 Detenuti protestano in nome di Allah: frattura al braccio per un Agente e altri Poliziotti penitenziari feriti nel carcere di Verona

9 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

10 Detenuto Rachid Assarag a processo per violenza e oltraggio all''Ispettore di Polizia Penitenziaria di sorveglianza nel carcere di Imperia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Perché tanta attenzione all’USPEV e nessuna considerazione per NIC e GOM?

2 Adesso che è legge il reato di "tortura" sicuramente abbiamo risolto il problema ... quindi se facciamo una legge contro l''imbecillità la debelliamo dal Paese?

3 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

4 E facciamola ‘sta benedetta unificazione delle forze di polizia …

5 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

6 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

7 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

8 Lettera aperta di Capece a Rita Bernardini

9 Gli attacchi di certa stampa al Sappe. Chi non riesce a contraddire il ragionamento aggredisce il ragionatore …

10 Salvatore Riina riamarrà in carcere al 41-bis: lo ha deciso il Tribunale di Sorveglianza che ha rigettato le richieste dei suoi avvocati