Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Minacce all'ex caposcorta del Ministro Alfano: sotto processo un collega della Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Minacce all'ex caposcorta del Ministro Alfano: sotto processo un collega della Penitenziaria


Notizia del 25/02/2016 - ROMA
Letto (4846 volte)
 Stampa questo articolo


Scritte sui muri, telefonate mute e lettere minacciose. Questo l'incubo con cui, nel 2012, ha dovuto convivere l'ex caposcorta dell'attuale ministro Angelino Alfano. Fatti per i quali è finito sotto processo, accusato di atti persecutori, proprio un suo collega in servizio presso la Polizia Penitenziaria. Tutto ha avuto inizio nel 2012 quando la vittima, che dal 2008 prestava servizio di caposcorta di Alfano, aveva trovato numerose scritte sui muri di cinta della propria abitazione. Le frasi, come raccontato in aula dallo stesso agente, erano impresse a caratteri cubitali e con una vernice nera.

Queste, sempre secondo il racconto della vittima, avevano un tono minaccioso e sarebbero scaturite da invidie lavorative. In poco tempo le pareti di casa, erano diventati il blocco note del suo persecutore. 

Ogni volta che l'uomo trovava una frase sul muro, racconta la vittima al giudice, «provvedevo a farla rimuovere a mie spese sia per motivi personali che perché deturpavano un muro di recinzione di altri ignari condomini». Si andava dal “pagherai tutto, merda” fino a scritte ben più preoccupanti. Fra queste, due in particolare avevano fatto drizzare i peli della schiena della vittima. La prima in cui si poteva leggere “infame visiteremo...” accompagnato dal nome della figlia, scritto a grandi lettere, e la seconda in cui si faceva una chiara allusione al fatto che la bambina, di appena 10 anni, e la moglie del caposcorta, erano in pericolo. 

Un incubo che lo aveva costretto ad ingaggiare «un vigilante che, la notte, nei giorni in cui non ero a casa» vegliasse sulla sicurezza dell'abitazione e della sua famiglia. Non c'erano, però, le sole scritte sui muri a turbare la quiete dell'agente. Il telefono di casa, infatti, squillava senza sosta ad ogni ora del giorno e della notte. Inoltre, nella casella postale del caposcorta, era arrivata una foto di una sedia a rotelle accompagnata da un'inquietante lettera in cui si poteva leggere: “Gentile dottore, come da sua richiesta le invio le promozioni dell'articolo in foto (una sedia a rotelle, ndr) per le sue esigenze future”.

leggo.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!