Maggio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2017  
  Archivio riviste    
Minacce all'ex caposcorta del Ministro Alfano: sotto processo un collega della Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Minacce all'ex caposcorta del Ministro Alfano: sotto processo un collega della Penitenziaria


Notizia del 25/02/2016 - ROMA
Letto (5155 volte)
 Stampa questo articolo


Scritte sui muri, telefonate mute e lettere minacciose. Questo l'incubo con cui, nel 2012, ha dovuto convivere l'ex caposcorta dell'attuale ministro Angelino Alfano. Fatti per i quali è finito sotto processo, accusato di atti persecutori, proprio un suo collega in servizio presso la Polizia Penitenziaria. Tutto ha avuto inizio nel 2012 quando la vittima, che dal 2008 prestava servizio di caposcorta di Alfano, aveva trovato numerose scritte sui muri di cinta della propria abitazione. Le frasi, come raccontato in aula dallo stesso agente, erano impresse a caratteri cubitali e con una vernice nera.

Queste, sempre secondo il racconto della vittima, avevano un tono minaccioso e sarebbero scaturite da invidie lavorative. In poco tempo le pareti di casa, erano diventati il blocco note del suo persecutore. 

Ogni volta che l'uomo trovava una frase sul muro, racconta la vittima al giudice, «provvedevo a farla rimuovere a mie spese sia per motivi personali che perché deturpavano un muro di recinzione di altri ignari condomini». Si andava dal “pagherai tutto, merda” fino a scritte ben più preoccupanti. Fra queste, due in particolare avevano fatto drizzare i peli della schiena della vittima. La prima in cui si poteva leggere “infame visiteremo...” accompagnato dal nome della figlia, scritto a grandi lettere, e la seconda in cui si faceva una chiara allusione al fatto che la bambina, di appena 10 anni, e la moglie del caposcorta, erano in pericolo. 

Un incubo che lo aveva costretto ad ingaggiare «un vigilante che, la notte, nei giorni in cui non ero a casa» vegliasse sulla sicurezza dell'abitazione e della sua famiglia. Non c'erano, però, le sole scritte sui muri a turbare la quiete dell'agente. Il telefono di casa, infatti, squillava senza sosta ad ogni ora del giorno e della notte. Inoltre, nella casella postale del caposcorta, era arrivata una foto di una sedia a rotelle accompagnata da un'inquietante lettera in cui si poteva leggere: “Gentile dottore, come da sua richiesta le invio le promozioni dell'articolo in foto (una sedia a rotelle, ndr) per le sue esigenze future”.

leggo.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Riparte il Concorso Allievi Agenti di Polizia Penitenziaria 100 donne e 300 uomini

2 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

3 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

4 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

5 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

6 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa

7 Condanna definitiva per due ex Poliziotti penitenziari: facevano pervenire lettere e cellulari ai detenuti camorristi

8 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

9 Perquisizione nel carcere di Rimini: 5 telefonini, 3 grammi di hashish, 2 coltelli rudimentali, una chiavetta USB

10 Era considerato un detenuto modello il rapinatore ucciso a Pisa: sparò anche ai Carabinieri ad altezza uomo


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Dimissioni dei comandanti di GOM e NIC? … Cosa sta succedendo al DAP?

4 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

5 Il Dap prossimo venturo. Arriva un nuovo vice capo Dap, avvicendamento di tre Provveditori e movimenti per una cinquantina di dirigenti penitenziari con incarico superiore

6 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

7 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

8 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

9 Commissione Antimafia: relazione del Presidente Rosy Bindi sullo stato di salute di Salvatore Riina

10 Lotta al terrorismo: maggior contributo della Polizia Penitenziaria e partecipazione ai Comitati provinciali ordine e sicurezza