Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Ministro Orlando conferma il 41-bis per Provenzano: è ancora il boss della mafia

Polizia Penitenziaria - Ministro Orlando conferma il 41-bis per Provenzano: è ancora il boss della mafia


Notizia del 28/03/2014 - PARMA
Letto (2053 volte)
 Stampa questo articolo


L'ultimo a rispondere al Guardasigilli è stato il procuratore di Palermo Francesco Messineo che ha sottoposto al voto dei suoi sostituti la decisione di prorogare il 41 bis per il capomafia Bernardo Provenzano. Responso quasi unanime negativo. Come quello delle Procure di Firenze e Caltanissetta, d'accordo nel dire che le condizioni di salute del boss gli impediscono di comunicare con l'esterno, quindi il carcere duro sarebbe inutile.

Opposto invece il parere della Direziona Nazionale Antimafia, secondo la quale le perizie fatte sul capomafia non possono escludere che nel caso di un affievolimento del 41 bis, il 'padrino' sia ancora in grado di comunicare con altri soggetti e impartire ordini criminali. Alla fine a convincere il neoministro Andrea Orlando - è suo il provvedimento sul regime speciale - è stata la Procura Nazionale: e per l'ennesima volta Provenzano si è visto confermare il carcere duro che sarebbe scaduto oggi. Il motivo, il ministro lo spiega in una lettera inviata al capo del Dipartimento amministrazione penitenziaria, Giovanni Tamburino - di cui l'ANSA ha potuto leggere alcuni stralci - in cui lo informa di aver firmato il decreto di proroga. Provenzano, scrive Orlando, è il "capo ancora indiscusso" di cosa nostra e "risulta conclamata oggettivamente" la sua "pericolosità". Questo rende necessario mantenere misure per contenerne "la carica di pericolosità sociale correlata al rischio di diramazione di direttive criminose all'esterno" del carcere.

Orlando richiama il parere della Direzione nazionale antimafia sulla "non evidenza di uno stato di totale scadimento delle attuali capacità di attenzione, comprensione e orientamento spazio-temporale". E chiede al capo Dap di tenerlo "aggiornato costantemente" sulle condizioni di salute del detenuto. "Perizie mediche e relazioni del reparto ospedaliero di Parma riconoscono l'incapacità di nostro padre - commentano i figli del capomafia, Angelo e Francesco Paolo Provenzano - Alla luce di tali atti le Procure hanno espresso parere negativo alla proroga del 41 bis. Il ministro, invece l'ha prorogato. Ci chiediamo: esiste altra perizia medica che smentisce e dichiara false le precedenti? Pensiamo di no". L'ultimo responso medico in effetti parla chiaro.

I medici Renato Ariatti e Andrea Stracciari, chiamati ad esprimere un parere sulle condizioni mentali del boss per il gip che ha sospeso il processo sulla trattativa Stato-mafia in cui Provenzano è imputato, dicono che "il paziente è affetto da condizioni di grave disabilità motoria e cognitiva tali da non consentirgli alcuna partecipazione al dibattimento". E parlano di "un soggetto impossibilitato a interloquire validamente, comprendere quanto accade intorno a lui, relazionarsi al contesto". "Chiediamo, a questo punto, - dicono i figli del boss - che sia resa pubblica l'immagine attuale di questo 'detenuto speciale' con gli occhi al soffitto, chiuso in una stanza blindata con tre guardie del Gom e un sondino al naso per nutrirsi". "Esistono le registrazioni audiovideo - spiegano - degli pseudo colloqui mensili con noi. Solo davanti a tale fotografia si può capire quale 'pericoloso' soggetto si tiene al 41 bis".

ANSA

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

2 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

3 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

4 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

5 Agente penitenziario arrestato per intralcio alla giustizia e falso nel carcere di Milano San Vittore Francesco Di Cataldo

6 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

7 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

8 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

9 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

10 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

2 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

3 Congedo programmato e malattia

4 Il Messaggero: stanziati fondi per rinnovo contratto polizia, dovrebbero essere circa 100 euro a regime

5 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

6 Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

7 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

8 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

9 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

10 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?