Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Ministro Orlando conferma il 41-bis per Provenzano: è ancora il boss della mafia

Polizia Penitenziaria - Ministro Orlando conferma il 41-bis per Provenzano: è ancora il boss della mafia


Notizia del 28/03/2014 - PARMA
Letto (1974 volte)
 Stampa questo articolo


L'ultimo a rispondere al Guardasigilli è stato il procuratore di Palermo Francesco Messineo che ha sottoposto al voto dei suoi sostituti la decisione di prorogare il 41 bis per il capomafia Bernardo Provenzano. Responso quasi unanime negativo. Come quello delle Procure di Firenze e Caltanissetta, d'accordo nel dire che le condizioni di salute del boss gli impediscono di comunicare con l'esterno, quindi il carcere duro sarebbe inutile.

Opposto invece il parere della Direziona Nazionale Antimafia, secondo la quale le perizie fatte sul capomafia non possono escludere che nel caso di un affievolimento del 41 bis, il 'padrino' sia ancora in grado di comunicare con altri soggetti e impartire ordini criminali. Alla fine a convincere il neoministro Andrea Orlando - è suo il provvedimento sul regime speciale - è stata la Procura Nazionale: e per l'ennesima volta Provenzano si è visto confermare il carcere duro che sarebbe scaduto oggi. Il motivo, il ministro lo spiega in una lettera inviata al capo del Dipartimento amministrazione penitenziaria, Giovanni Tamburino - di cui l'ANSA ha potuto leggere alcuni stralci - in cui lo informa di aver firmato il decreto di proroga. Provenzano, scrive Orlando, è il "capo ancora indiscusso" di cosa nostra e "risulta conclamata oggettivamente" la sua "pericolosità". Questo rende necessario mantenere misure per contenerne "la carica di pericolosità sociale correlata al rischio di diramazione di direttive criminose all'esterno" del carcere.

Orlando richiama il parere della Direzione nazionale antimafia sulla "non evidenza di uno stato di totale scadimento delle attuali capacità di attenzione, comprensione e orientamento spazio-temporale". E chiede al capo Dap di tenerlo "aggiornato costantemente" sulle condizioni di salute del detenuto. "Perizie mediche e relazioni del reparto ospedaliero di Parma riconoscono l'incapacità di nostro padre - commentano i figli del capomafia, Angelo e Francesco Paolo Provenzano - Alla luce di tali atti le Procure hanno espresso parere negativo alla proroga del 41 bis. Il ministro, invece l'ha prorogato. Ci chiediamo: esiste altra perizia medica che smentisce e dichiara false le precedenti? Pensiamo di no". L'ultimo responso medico in effetti parla chiaro.

I medici Renato Ariatti e Andrea Stracciari, chiamati ad esprimere un parere sulle condizioni mentali del boss per il gip che ha sospeso il processo sulla trattativa Stato-mafia in cui Provenzano è imputato, dicono che "il paziente è affetto da condizioni di grave disabilità motoria e cognitiva tali da non consentirgli alcuna partecipazione al dibattimento". E parlano di "un soggetto impossibilitato a interloquire validamente, comprendere quanto accade intorno a lui, relazionarsi al contesto". "Chiediamo, a questo punto, - dicono i figli del boss - che sia resa pubblica l'immagine attuale di questo 'detenuto speciale' con gli occhi al soffitto, chiuso in una stanza blindata con tre guardie del Gom e un sondino al naso per nutrirsi". "Esistono le registrazioni audiovideo - spiegano - degli pseudo colloqui mensili con noi. Solo davanti a tale fotografia si può capire quale 'pericoloso' soggetto si tiene al 41 bis".

ANSA

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

2 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

3 Detenuti protestano in nome di Allah: frattura al braccio per un Agente e altri Poliziotti penitenziari feriti nel carcere di Verona

4 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

5 Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

6 Matrimonio tra Poliziotta penitenziaria e detenuto: lei lo aiutò ad evadere dal carcere svizzero

7 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

8 Nostro fratello Mormile ucciso dall''accordo tra DAP e servizi segreti: testimone di colloqui tra Stato e boss mafiosi nel carcere di Parma

9 Detenuto Rachid Assarag a processo per violenza e oltraggio all''Ispettore di Polizia Penitenziaria di sorveglianza nel carcere di Imperia

10 Cassazione conferma condanna ad ex Agente penitenziario: ricevette 500 euro in cambio di un telefonino ad un detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Perché tanta attenzione all’USPEV e nessuna considerazione per NIC e GOM?

2 Adesso che è legge il reato di "tortura" sicuramente abbiamo risolto il problema ... quindi se facciamo una legge contro l''imbecillità la debelliamo dal Paese?

3 Riordino delle carriere: le tabelle e tutto quello che c’è da sapere

4 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

5 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

6 Il malessere del Corpo in una lettera a un quotidiano di Alessandria

7 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

8 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

9 Lettera aperta di Capece a Rita Bernardini

10 Fiamme Azzurre, nuova stagione olimpica e nuova location per la preparazione di Anna Cappellini e Luca Lanotte