«I problemi non mancano ma la buona volontà è tanta, devo dire». Definisce così la vita all'interno del carcere di San Se" />

  Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Ministro Severino in visita alle carceri della Sardegna: a settembre apre Bancali

Polizia Penitenziaria - Ministro Severino in visita alle carceri della Sardegna: a settembre apre Bancali


Notizia del 20/05/2012 - CAGLIARI
Letto (2559 volte)
 Stampa questo articolo


  «I problemi non mancano ma la buona volontà è tanta, devo dire». Definisce così la vita all'interno del carcere di San Sebastiano il ministro Paola Severino, in visita sabato sera alla struttura penitenziaria ottocentesca di via Roma, tappa di un più vasto tour nell'Isola.

«Ho trovato tanta pulizia, per esempio, che è sempre dimostrativa di una grande attenzione nel mantenere condizioni di vita in carcere con una dignità necessaria. Qui ci sono pochi mezzi, è vero. Il carcere è vecchio, però ho visto molta umanità. Mi ha colpito l'iniziativa che stanno portando avanti alcuni detenuti in semilibertà, che stanno catalogando l'archivio a partire dal 1870», ha detto il ministro ai giornalisti, poco prima della presentazione del libro da parte del direttore del penitenziario, Francesco D'Anselmo, e della presidente dell'associazione Festina Lente, Cecilia Sechi, che è anche garante delle persone private della libertà del Comune di Sassari. Ad accogliere il ministro anche il capo del Dap (Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria) Giovanni Tamburino, il provveditore per la Sardegna del Dap Gianfranco De Gesu, il rettore dell'Università Attilio Mastino e il sindaco Gianfranco Ganau.

«Qui c'è sovraffollamento, è vero. Ho visto però che ci sono celle con un solo detenuto, altre con due. Io comunque sono venuta qui per dare un segnale forte di accelerazione di apertura del nuovo carcere», ha proseguito il ministro Severino. Quando ci sarà allora il trasferimento nel penitenziario di Bancali? «Ero lì e ho visto una struttura pressoché completa. Questo da una parte mi fa aprire il cuore alla speranza che il trasferimento possa avvenire in tempi brevi, dall'altra mi sta facendo verificare le cause per le quali ancora non è ancora aperto. Sono stata molto rassicurata su questo. Gli interni sono pronti, ho notato che cominciano ad arrivare gli arredi. Rimangono da completare gli esterni e fare gli allacciamenti. Ho molto insistito perché dopo l'estate il carcere possa aprire», ha aggiunto.

«Escludo che possano arrivare 1000 o addirittura 2000 detenuti dalla Penisola nella nuova struttura carceraria. Sono cifre che non hanno davvero riscontro. Anche perché – ha spiegato Paola Severino, rispondendo a una domanda sul pericolo che in Sardegna possano davvero arrivare i condannati numericamente in eccesso dal resto d'Italia – i penitenziari che si stanno realizzando (oltre a Sassari c'è anche quello di Uta, ndr) serviranno prima di tutto per gli attuali detenuti delle vecchie carceri. Dopodiché se ci sarà spazio vedremo. Sarebbe però assurdo chiudere un carcere e aprirne un altro riempiendolo in maniera straripante. D'altronde come avrete sentito i numeri cominciano a calare. Circa 3mila detenuti in meno nel primo trimestre di quest'anno dopo l'applicazione legge "salva carceri"». E sta per venire aperto il carcere di Rieti, per esempio. «Siamo già arrivati a 1100 posti in più negli ultimi mesi», ha precisato, su sollecitazione del ministro, Giovanni Tamburino, capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria. «Questi numeri confermano quindi che non ci sarebbero neanche le migliaia di detenuti da trasferire in Sardegna», ha detto ancora Paola Severino. E i condannati in regime di 41bis? «Una piccola parte del nuovo carcere ha sicuramente rinforzi di sicurezza. Ma è una piccola parte, ripeto».

«Sull'Asinara ho detto che intendo soprattutto rispettare la volontà di chi vive qua. Però mi piacerebbe andare lì a fare un sopralluogo. Anche perché Falcone e Borsellino sono stati all'Asinara, lì riparati quando dovevano studiare e preparare il maxi processo contro la mafia. Mi dicono che c'è una bella struttura che ricorda il loro soggiorno». Però il presidente della Regione Ugo Cappellacci ha detto no alla sua proposta di un recupero ambientale utilizzando detenuti selezionati. «L'ha respinta con molta signorilità. E ne prendo atto. Si può fare tutto solo col consenso degli amministratori locali e delle popolazioni interessate». Eppure in Sardegna l'idea stessa di riportare in vita un carcere non attira molti consensi. «Forse c'è ancora il ricordo delle vecchie colonie penali. Ma un carcere ben gestito può essere considerato una risorsa. Anche perché ci sono delle persone che lì lavora. 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SARDEGNA
Statistiche carceri Regione Sardegna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

5 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

6 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

7 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

8 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

9 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

5 Riordino vuol dire mettere ordine

6 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

7 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

8 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

9 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna