Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Ministro Severino: pronti duemila posti di lavoro fuori dal carcere per i detenuti

Notizia del 20/06/2012 - ROMA

Ministro Severino: pronti duemila posti di lavoro fuori dal carcere per i detenuti

letto 1650 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi
Lavoro per i detenuti fuori dal carcere: firmato protocollo d'intesa tra il Ministero della Giustizia e l'ANCI.
 
In arrivo circa 2 mila nuovi posti di lavoro esterno al carcere, utili alla comunità e destinati all’inserimento lavorativo dei detenuti che abbiano i requisiti previsti dalla legge. Ad annunciarlo è il ministro della Giustizia, Paola Severino, durante la presentazione del Protocollo di intesa tra il ministero della Giustizia, l’Anci e il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria.
 
Secondo il ministro, il protocollo segna una netta inversione di tendenza rispetto al passato. “Abbiamo dei numeri che dimostrano come il lavoro per i detenuti sia diminuito in maniera impressionante – ha spiegato il ministro -. Se guardiamo le statistiche vediamo che mentre nel ‘91 vi era una percentuale di lavoranti sui detenuti presenti in carcere del 34,46%, al 31 dicembre del 2011 questa percentuale si è ridotta al 20,87%, mentre la popolazione dei detenuti in questi anni è raddoppiata”. Con la firma del protocollo le prospettive per il futuro cambiano. “Se ogni comune desse da lavorare a dieci detenuti si avrebbero 2mila detenuti occupati in lavori utili per la comunità e aumenterebbe del 20% la percentuale dei detenuti oggi ammessi al lavoro fuori dal carcere – ha aggiunto Severino -. Con numeri relativamente bassi, un risultato in termine di percentuali estremamente significativo”.
 
Il protocollo prevede il coinvolgimento di alcuni istituti penitenziari, dai quali si inizierà la sperimentazione del programma, mentre i fondi da destinare al progetto verranno stanziati fino al 50% dal Dap, mentre al resto dovranno pensarci i comuni. Un esperimento importante, ha aggiunto il ministro Severino, in quanto ad oggi esperienze del genere sono presenti sul territorio a macchia di leopardo, ma soprattutto perché aiuterà a sfatare i luoghi comuni della pericolosità di iniziative di questo tipo. “Spesso quando parliamo di lavoro dei detenuti ci sentiamo rispondere con degli slogan che non possono arrestare il nostro cammino – ha spiegato Severino -. Slogan del tipo ‘il detenuto libero crea pericolo e sottrae lavoro ad altri che ne hanno bisogno’. Nell’incontro preparatorio di questa convenzione, mi sono resa conto di quanto l’Associazione dei comuni italiani sia pronta a smentire questi slogan e a dimostrare come il lavoro possa essere utile alla comunità senza portare alcun pericolo e alcun danno”.
 
I detenuti saranno selezionati dalla magistratura di sorveglianza, ha spiegato il ministro, ma i dati “dimostrano che un detenuto ammesso al lavoro non ha recidiva e porta con sé questo valore anche all’interno del carcere. Coloro che sono nello stesso carcere di un detenuto che lavora ambiscono a raggiungere lo stesso risultato”. Fra sei mesi, ha annunciato infine l’Anci, verrà fatto il primo bilancio sui risultati ottenuti dall’applicazione del protocollo e verrà presentato pubblicamente.
 
STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

5 Tentativo di rivolta dei detenuti magrebini nel carcere di Prato: bloccato accesso alla terza sezione con brande

6 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

7 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

8 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

9 Poliziotto penitenziario aggredito con bastoni da detenuto nel carcere di Napoli Secondigliano

10 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Le proteste pretestuose

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!