Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Ministro Severino: pronti duemila posti di lavoro fuori dal carcere per i detenuti

Notizia del 20/06/2012 - ROMA

Ministro Severino: pronti duemila posti di lavoro fuori dal carcere per i detenuti

letto 1510 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi
Lavoro per i detenuti fuori dal carcere: firmato protocollo d'intesa tra il Ministero della Giustizia e l'ANCI.
 
In arrivo circa 2 mila nuovi posti di lavoro esterno al carcere, utili alla comunità e destinati all’inserimento lavorativo dei detenuti che abbiano i requisiti previsti dalla legge. Ad annunciarlo è il ministro della Giustizia, Paola Severino, durante la presentazione del Protocollo di intesa tra il ministero della Giustizia, l’Anci e il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria.
 
Secondo il ministro, il protocollo segna una netta inversione di tendenza rispetto al passato. “Abbiamo dei numeri che dimostrano come il lavoro per i detenuti sia diminuito in maniera impressionante – ha spiegato il ministro -. Se guardiamo le statistiche vediamo che mentre nel ‘91 vi era una percentuale di lavoranti sui detenuti presenti in carcere del 34,46%, al 31 dicembre del 2011 questa percentuale si è ridotta al 20,87%, mentre la popolazione dei detenuti in questi anni è raddoppiata”. Con la firma del protocollo le prospettive per il futuro cambiano. “Se ogni comune desse da lavorare a dieci detenuti si avrebbero 2mila detenuti occupati in lavori utili per la comunità e aumenterebbe del 20% la percentuale dei detenuti oggi ammessi al lavoro fuori dal carcere – ha aggiunto Severino -. Con numeri relativamente bassi, un risultato in termine di percentuali estremamente significativo”.
 
Il protocollo prevede il coinvolgimento di alcuni istituti penitenziari, dai quali si inizierà la sperimentazione del programma, mentre i fondi da destinare al progetto verranno stanziati fino al 50% dal Dap, mentre al resto dovranno pensarci i comuni. Un esperimento importante, ha aggiunto il ministro Severino, in quanto ad oggi esperienze del genere sono presenti sul territorio a macchia di leopardo, ma soprattutto perché aiuterà a sfatare i luoghi comuni della pericolosità di iniziative di questo tipo. “Spesso quando parliamo di lavoro dei detenuti ci sentiamo rispondere con degli slogan che non possono arrestare il nostro cammino – ha spiegato Severino -. Slogan del tipo ‘il detenuto libero crea pericolo e sottrae lavoro ad altri che ne hanno bisogno’. Nell’incontro preparatorio di questa convenzione, mi sono resa conto di quanto l’Associazione dei comuni italiani sia pronta a smentire questi slogan e a dimostrare come il lavoro possa essere utile alla comunità senza portare alcun pericolo e alcun danno”.
 
I detenuti saranno selezionati dalla magistratura di sorveglianza, ha spiegato il ministro, ma i dati “dimostrano che un detenuto ammesso al lavoro non ha recidiva e porta con sé questo valore anche all’interno del carcere. Coloro che sono nello stesso carcere di un detenuto che lavora ambiscono a raggiungere lo stesso risultato”. Fra sei mesi, ha annunciato infine l’Anci, verrà fatto il primo bilancio sui risultati ottenuti dall’applicazione del protocollo e verrà presentato pubblicamente.
 
STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

7 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

8 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti

9 Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada

10 Danneggiò le auto dei Poliziotti nel parcheggio del carcere di Ancona: individuato grazie alle telecamere


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

4 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Anche i mafiosi hanno fame