Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Misure alternative, troppa fiducia a Fabrizio Corona: ora temono gli altri detenuti

Polizia Penitenziaria - Misure alternative, troppa fiducia a Fabrizio Corona: ora temono gli altri detenuti


Notizia del 18/10/2016 - MILANO
Letto (1158 volte)
 Stampa questo articolo


Al fotografo dei vip il presidente dell'ufficio di Sorveglianza di Milano aveva riconosciuto tutte le aperture previste dalla legge per tenere fuori dal carcere i tossicodipendenti.

L'arresto di Fabrizio Corona rischia di compromettere il nuovo corso della magistratura di sorveglianza di Milano. Con probabili ripercussioni a livello nazionale.

Le manette ai polsi del fotografo, scattate l'altro giorno su richiesta del pm Ilda Boccassini, mettono seriamente in discussione la "scommessa" fatta personalmente da Giovanna Di Rosa, presidente del Tribunale di Sorveglianza di Milano.

Era il 2015 e Corona aveva già scontato un paio di anni in carcere. Per mezzo dei suoi avvocati aveva chiesto allo Stato l'ultima chance. "Sono un uomo cambiato, voglio uscire di prigione", aveva detto. E Di Rosa, magistrato esperto, già consigliere al Csm, assumendosi una grande responsabilità, lo ammetteva all'affidamento terapeutico. Ci è voluto coraggio e determinazione nel concedere tale misura alternativa alla detenzione in carcere ad un "intemperante" quale Corona, ben sapendo che ciò avrebbe acceso i riflettori sull'istituto dell'affidamento in prova ai servizi sociali.

Nonostante le violazioni degli obblighi, Di Rosa ha voluto dare in questi mesi ancora fiducia a Corona, consentendogli di continuare a fare l'unico mestiere di cui è capace, il testimonial nei locali e nelle discoteche. Con tutte le polemiche del caso, fra l'indignazione generale. Proprio poche settimane fa Corona aveva anche rischiato di tornare in carcere dovendo aggiungere 8 mesi rispetto al precedente cumulo di pene: ma il residuo da scontare era rimasto sotto i 6 anni, limite questo per rimanere in affidamento terapeutico. Così, Corona stava proseguendo nel suo percorso alternativo di espiazione, quello previsto dall'articolo 94 della legge sugli stupefacenti per promuovere il recupero dalla tossicodipendenza. La misura dell'affidamento è possibile se la pena da scontare non supera i 6 anni, se il condannato è tossicodipendente o alcoldipendente, se c'è un idoneo programma di recupero cui il soggetto aderisce presso una comunità terapeutica o presso la propria abitazione con frequenza del Sert. Per Corona si era spesa la Comunità di Don Mazzi.

Il periodo trascorso in affidamento non equivale a detenzione. La pena è scontata in affido ma si estingue solo se si supera positivamente il periodo di prova che equivale alla durata della pena. Se sono state rispettate le prescrizioni, per il Tribunale di Sorveglianza i conti con la giustizia sono chiusi. Se non sono state rispettate le prescrizioni non si riterrà la pena scontata e si ricomincia col carcere.

Corona era in affidamento terapeutico a casa dopo un periodo in comunità; la misura cautelare che lo ha colpito, ha fatto sì che Di Rosa revocasse provvisoriamente l'affidamento. Corona è tornato in carcere non solo per l'ordinanza del Gip di Milano ma anche per la revoca dell'affidamento. Entro 30 giorni il Tribunale di sorveglianza dovrà riunirsi e decidere se revocare definitivamente l'affidamento a Corona o no. Nel caso decida di revocarlo, il Tribunale dovrà anche stabilire se la misura va ritenuta "nulla" fin dall'inizio (e così Corona dovrà ancora scontare tutta la pena dal giorno dell'ammissione all'affidamento in poi) o se revocare solo dall'altro ieri. La fiducia accordata a Corona è stata, dunque, spazzata via. Era una speranza per chi, dentro, in carcere, attendeva l'udienza per andare in affidamento: "Se lo avevano dato a Corona?", ripetevano spesso i detenuti. Oggi, la situazione si è rovesciata e si teme un forte giro di vite, per evitare il ripetersi di situazioni del genere.

Il Dubbio

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

3 Due Agenti della Polizia Penitenziaria delle scorte soccorrono una bambina in preda ad una crisi epilettica

4 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

7 Seminfermo di mente e pericoloso omicida fuge da REMS: è il terzo caso in poche settimane

8 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

9 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

10 Riordino: Ispettori di Polizia Penitenziaria favoriti nella progressione di carriera?


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

3 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

4 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

5 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

6 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

7 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

8 Accreditati 320 euro di bonus . Ora si attende il Decreto per le funzioni direttive a marescialli e ispettori

9 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

10 Riordino delle carriere: analisi dei contenuti del parere favorevole del Consiglio di Stato