Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Monsignor Fabbri al processo Mori: il capo DAP lo scegliemmo noi su delega Scalfaro

Notizia del 03/02/2012 - ROMA

Monsignor Fabbri al processo Mori: il capo DAP lo scegliemmo noi su delega Scalfaro

letto 2954 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Sarebbe stato direttamente l'ex presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro a decidere, a giugno del 1993, la rimozione dall'incarico del capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria Nicolò Amato. A sostenerlo è monsignor Fabio Fabbri, ex vice-ispettore generale dei cappellani delle carceri che, in un verbale depositato dai pm di Palermo al processo per favoreggiamento al generale dei carabinieri Mario Mori, racconta anche un altro singolare episodio legato alla vicenda.

L'ex capo dello Stato, nella primavera del '93, avrebbe convocato monsignor Cesare Curioni, suo amico di vecchia data e capo dei cappellani delle carceri, insieme a Fabbri. I due prelati andarono al Quirinale dove ricevettero una strana indicazione dal presidente. «Caro monsignore - avrebbe detto Scalfaro a Curione, secondo il racconto di Fabbri - ho parlato ieri con il ministro della Giustizia Conso. La prego di dargli una mano per individuare il nuovo direttore generale (del Dap ndr) perchè con questa gestione basta».

Una richiesta singolare anche per il pm che chiede a Fabbri - Curione nel frattempo è morto -: «insomma Scalfaro vi delegò la scelta del capo del Dap?». «Sì», risponde il prelato. I due preti, investiti da Scalfaro di trovare un sostituto ad Amato, andarono dal Guardasigilli. «Si mise le mani nei capelli», ricorda Fabbri riferendosi alla reazione del ministro che chiese loro: «Che si fa?». Tra i nomi che i due sacerdoti e Conso vagliarono per la successione, ci sarebbe stato anche quello di Giuseppe Falcone, ex presidente del tribunale dei minorenni. Ma, racconta Fabbri, per il ministro era «uno troppo duro».

Poi c'erano i veti posti da Scalfaro che avrebbe indicato una lista di persone che non voleva al Dap. «Finchè sono capo dello Stato questi qui non li voglio», avrebbe detto. Alla fine la scelta ricadde su Adalberto Capriotti, all'epoca magistrato a Trento. Si sondò la sua disponibilità e lui accettò. Solo che Capriotti non aveva i titoli e ci volle un decreto di Scalfaro che lo nominava direttore generale del ministero per consentirgli di diventare capo del Dipartimento.

La vicenda raccontata da monsignor Fabbri, citato a deporre domani al processo Mori, va letta alla luce della pista seguita dai pm di Palermo che indagano sulla trattativa tra Stato e mafia e che ruota anche sulle singolari sostituzioni di Amato ai vertici del Dap e, qualche mese prima, dell'allora ministro dell'Interno Scotti. Sostituzioni che, secondo la Procura, potevano essere finalizzate a mettere in due posti chiave personaggi che avrebbero potuto accettare un atteggiamento meno rigido dello Stato in tema di carcere duro.

Il 41 bis secondo questa ricostruzione era la merce di scambio offerta a Cosa nostra per la cessazione delle stragi di mafia. In quel periodo Scalfaro ricevette anche una pesante lettera di familiari di boss al 41 bis che chiedevano condizioni più umane per i loro congiunti.

La strage di Capaci con l'uccisione di Falcone e l'attentato a Borsellino avevano destabilizzato il Paese e Scotti aveva già lanciato l'allarme sull'inizio di una stagione di omicidi eccellenti. Serviva dare a Cosa nostra un segnale, che secondo i pm sarebbe arrivato a novembre del '93 con la revoca di oltre 300 41-bis sollecitata da Capriotti e dal suo vice, Francesco Di Maggio, vero dominus del Dap secondo i magistrati, e formalmente adottata da Conso.

www.antimafiaduemila.com

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 Tentativo di rivolta dei detenuti magrebini nel carcere di Prato: bloccato accesso alla terza sezione con brande

3 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

4 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

7 Poliziotto penitenziario aggredito con bastoni da detenuto nel carcere di Napoli Secondigliano

8 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

9 Poliziotto penitenziario trasportato d''urgenza in ospedale dopo aggressione da parte di un detenuto del carcere di Ariano Irpino

10 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Terrorismo islamico: Polizia Penitenziaria armata anche fuori dal servizio. Emanata circolare DAP

2 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

3 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

4 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

5 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

6 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Le proteste pretestuose

9 Il ''malvezzo'' lo rispediamo al mittente

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!