Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Morto a Roma Giovanni Conso: è stato per due volte Ministro della Giustizia

Polizia Penitenziaria - Morto a Roma Giovanni Conso: è stato per due volte Ministro della Giustizia


Notizia del 03/08/2015 - ROMA
Letto (1596 volte)
 Stampa questo articolo


È morto stanotte a Roma Giovanni Conso, una delle figure che hanno attraversato l'arco istituzionale italiano: presidente emerito della Corte costituzionale, è stato per due volte ministro e vice presidente del Csm. La camera ardente sarà allestita nel palazzo della Consulta. I funerali si celebreranno a Roma nella basilica di Santa Maria degli Angeli. Conso era nato a Torino il 23 marzo 1922. Era stato nominato Giudice Costituzionale il 25 gennaio 1982 da Sandro Pertini. Era stato eletto presidente il 18 ottobre 1990 e aveva esercitato le funzioni fino al 3 febbraio 1991.

Lungo il suo curriculum accademico: docente ordinario di procedura penale, ha insegnato nelle Università di Genova, Urbino, Torino, Roma Sapienza e alla Lumsa. Tra i suoi numerosi incarichi culturali, aveva guidato anche l'Accademia dei Lincei. Nel 1976 il parlamento lo nomina membro del Consiglio superiore della magistratura e nel 1981, per un breve periodo diventa vice presidente. Poi inizia per lui la fase alla Consulta.

Il suo nome è entrato anche nell'urna per l'elezione del presidente della Repubblica. Nel 1992 è lui il candidato sostenuto dal Pds e arriva a prendere 253 voti. Giuliano Amato lo chiama a far parte del suo governo nel 1993 come ministro di Grazie e Giustizia, incarico conservato anche nel successivo esecutivo guidato da Carlo Azeglio Ciampi. E portava il nome di 'decreto Conso' la norma - passata alla storia come 'colpo di spugna' - con la quale si depenalizzava il finanziamento illecito ai partiti, con valore retroattivo. La legge fu bloccata dal Quirinale dopo le accese contestazioni del pool dei magistrati di Mani pulite, nonostante la difesa del premier Amato che la riteneva una "soluzione politica necessaria".

Nel marzo '93 da Guardasigilli non rinnovò il 41 bis a circa 300 mafiosi sottoposti a carcere duro. In seguito, davanti alla Commissione parlamentare antimafia e alla procura di Palermo che lo interrogheranno, dirà che lo ha fatto per indurre Cosa nostra a smettere con le stragi, aggiungendo che si è trattato di una sua iniziativa personale non concordata con nessuno. Tesi confermata in una intervista a Repubblica nel novembre 2014: "Io non sono mai statoal corrente di una trattativa fra lo Stato e la mafia. E mai sono stato partecipe di una cosa del genere" affermò. Il 3 febbraio scorso, citato a deporre al processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, Conso non si era presentato per motivi di salute.

La Repubblica

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Agente penitenziario ucciso da tre batteri in ospedale: alla vedova un milione di euro di risarcimento

5 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

6 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 Detenuto tunisino accusa dieci Agenti penitenziari di lesioni a San Vittore. E'' in carcere per tentato omicidio e accusò altri Agenti di Velletri

9 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

10 Boss della camorra ordinarono omicidi dal carcere di Poggioreale con un telefonino introdotto da un Poliziotto penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Esuberi personale di Polizia Penitenziaria, dubbi sulla gestione del DAP. Interrogazione parlamentare di Maurizio Gasparri

2 Carceri, mille leggi per un solo risultato: torna il sovraffollamento

3 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

4 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

5 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

6 E'' meglio scegliere a chi dare la colpa che cercare le cause del disastro penitenziario

7 Evasione di Favignana: “Non importa quanto vai piano, l''importante è che non ti fermi"

8 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

9 Amministrazione penitenziaria in piena zona retrocessione. Ci vorrebbe Zamparini con i suoi tanti esoneri

10 I richiami e le ipocrisie dell’Europa sulle carceri italiane