Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Nel carcere di Biella l'ultimo saluto a Stefano Paba rimasto asfissiato nella sua stanza

Polizia Penitenziaria - Nel carcere di Biella l'ultimo saluto a Stefano Paba rimasto asfissiato nella sua stanza


Notizia del 05/10/2012 - BIELLA
Letto (3910 volte)
 Stampa questo articolo


«Eravate la sua famiglia». Sono state le prime parole pronunciate, al suo arrivo in carcere, dalla mamma di Stefano Paba, l'assistente capo morto mercoledì pomeriggio soffocato dal fumo della sigaretta finita sul copriletto. Ieri è stato il giorno del dolore, con i colleghi attoniti, increduli per una disgrazia assurda e inaspettata, e i reclusi assorti.
 
Era cresciuto professionalmente nel penitenziario cittadino Stefano Paba, 41 anni, originario di Tramatza, in provincia di Oristano, tanto da essere un punto di riferimento per tutti, grazie alla sua professionalità e al suo attaccamento al corpo di appartenenza. Per questo, prima di lasciarlo tornare a casa, colleghi e amici hanno voluto dargli l'ultimo saluto. Nel pomeriggio è stato recitato il Rosario, poi il cappellano don Paolo Santacaterina ha celebrato la messa. Accanto ai familiari del poliziotto c'erano la direttrice Antonella Giordano, il comandante Mirko Trinchero, il Provveditore, giunto da Torino, il prefetto Demetrio Missineo. Sul fronte degli accertamenti, la disgrazia è stata chiara fin da subito.
 
Stefano Paba, rientrato dopo aver fatto spesa, si siede sul letto e avvia il computer, che appoggia sulle gambe. Poi si accende una sigaretta. Complice la stanchezza, si addormenta e la cenere innesca la combustione del piumone, saturando la stanza di fumo. Quando il vicino di camera si accorge di quanto sta accadendo, sarà troppo tardi.
 
STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

8 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

9 Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

3 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

4 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto