Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Nel carcere di Fossombrone i Carabinieri appresero che Borsellino stava per essere ucciso

Notizia del 03/02/2012 - PALERMO

Nel carcere di Fossombrone i Carabinieri appresero che Borsellino stava per essere ucciso

letto 3488 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

La rivelazione è del colonnello Umberto Sinico, citato come teste a difesa nel processo a carico del generale Mori. I carabinieri avevano riferito al giudice che era in preparazione un attentato

"Lo so, lo so: devo lasciare qualche spiraglio, altrimenti se la prendono con la mia famiglia".
Così Paolo Borsellino avrebbe risposto ai carabinieri che, alla fine di giugno del '92, erano andati a informarlo di avere appreso da un confidente che nell'ambiente carcerario "era voce ricorrente che fosse in fase avanzata un attentato al giudice" poi ucciso il 19 luglio di 20 anni fa in via D'Amelio a Palermo. 

A riferirlo, deponendo come teste della difesa al processo Mori, è stato il colonnello Umberto Sinico. Il magistrato, stando alla deposizione dell'ufficiale, si sarebbe dunque votato consapevolmente al sacrificio lasciando appunto "qualche spiraglio" nella sua sicurezza ed esporsi, in modo da mettere la sua famiglia al riparo da ritorsioni. L'informatore, ha detto Sinico, rispondendo alle domande dell'avvocato Basilio Milio, era Girolamo D'Anna, di Terrasini, "in confidenza" con il maresciallo che comandava la stazione del paese, Antonino Lombardo, poi morto suicida nel marzo del '95.

"A sentire D'Anna, nel carcere di Fossombrone, andammo io - ha detto Sinico - Lombardo e il comandante della compagnia di Carini, Giovanni Baudo, ma Lombardo fu il solo a parlare con D'Anna, che disse dell'esplosivo e dell'idea di attentato. Subito ripartimmo e andammo dal procuratore a riferirglielo e lui ci rispose in quel modo, di saperlo e di dover lasciare qualche spiraglio. 'Procuratore, risposi io, allora cambiamo mestiere'".

Secondo Sinico Girolamo D'Anna era un uomo d'orore "posato", cioè estromesso, perché vicino a Gaetano Badalamenti: "Era persona di grande carisma, veniva interpellato dai vertici della sua parte criminale". Le affermazioni di Sinico escludono del tutto sia che vi fossero contrasti tra Borsellino e la sezione Anticrimine dei carabinieri di Palermo e sia le tesi secondo cui al magistrato fu nascosto dai carabinieri che fosse arrivato l'esplosivo per compiere l'attentato ai suoi danni.

palermo.repubblica.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

3 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

4 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

5 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

6 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere

7 Catturato il detenuto marocchino che non era rientrato a Mamone dopo il lavoro esterno

8 Niente ventilatori nel carcere di Sollicciano: la rete elettrica del carcere non reggerebbe

9 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

10 Due detenuti non rientrano dai permessi nel carcere minorile di Torino


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

5 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

6 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto