Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Nessun cambio di carcere per Bossetti: il suo legale smentisce le voci del trasferimento a Lecce

Polizia Penitenziaria - Nessun cambio di carcere per Bossetti: il suo legale smentisce le voci del trasferimento a Lecce


Notizia del 17/07/2016 - BERGAMO
Letto (2069 volte)
 Stampa questo articolo


L'avvocato Claudio Salvagni ha inteso smentire le indiscrezioni circolate nelle ultime ore a proposito di un trasferimento di Massimo Bossetti, condannato all'ergastolo per l'omicidio di Yara Gambirasio, dal carcere di Bergamo a quello di Lecce "per ragioni di sicurezza". "Ho avuto rassicurazioni dall'Amministrazione penitenziaria che non c'è stato alcun trasferimento - ha detto Salvagni - e quella del signor Bossetti è una condizione carceraria normale".

"Se fosse stato vero - ha spiegato il legale -, per lui sarebbe stato un secondo ergastolo, considerato quanto è legato alla sua famiglia: quando è stata emessa la sentenza, era addolorato, ancor più che per l'ergastolo, che considera ingiusto perché innocente, per la perdita della patria potestà dei suoi figli".

"Facilmente immaginabile - ha concluso - in quale disperazione sarebbero caduti lui e la sua famiglia che è comunque rimasta molto turbata" dalla diffusione delle voci di un trasferimento.

ANSA

 

Trasferito in silenzio su un volo di linea camuffandosi tra i turisti. Massimo Bossetti non è più nel carcere di Bergamo ma è stato trasferito in una struttura penitenziaria di Lecce.

Come riporta il Giorno a quanto pare Bossetti avrebbe ricevuto numerose minacce da parte dei detenuti dopo la condanna all'ergastolo. Di fatto i detenuti mettono sempre nel mirino coloro che si sono macchiati di reati contro le donne o contro ragazzini e bambini. E così adesso Bossetti sconterà la sua pena in Puglia. Ieri mattina l'uomo è stato prelevato dalla sua cella dagli agenti di Polizia Penitenziaria.

Gli addetti alla sorveglianza, come riporta il Giorno, lo hanno condotto con un cellulare all’aeroporto Marco Polo di Venezia. Si sono mossi con molta discrezione, tentando di non dare nell’occhio e di mascherare agli altri passeggeri – perlopiù turisti in partenza per il mare – la presenza di un detenuto da anni al centro dell’attezione dei media. Imbarcato su un volo di linea, Bossetti ha dunque raggiunto l’aeroporto del Salento di Brindisi, dove è stato preso in consegna da altri Agenti.

ilgiornale.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

9 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”