Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Nessuna telecamera in cella per Provenzano: si indaga ancora sul presunto tentativo di suicidio del boss

Polizia Penitenziaria - Nessuna telecamera in cella per Provenzano: si indaga ancora sul presunto tentativo di suicidio del boss


Notizia del 21/02/2013 - PARMA
Letto (1764 volte)
 Stampa questo articolo


Non solo da quando è recluso nel carcere di Parma, ma anche quando era detenuto a Novara, il boss Bernardo Provenzano, non ha mai avuto una telecamera in cella. A differenza di altri capimafia del suo calibro (come Toto’ Riina), il boss indicato come il terminale della trattativa Stato-mafia dal 2007 a oggi ha potuto mantenere la privacy. La notizia è emersa durante lo stralcio dell’udienza preliminare che riguarda la posizione di Binnu nell’ambito del negoziato tra Cosa nostra e le istituzioni. Ma non è stato sempre così. Grazie ad una nota pervenuta alla Procura di Palermo dal carcere di Terni, infatti, si è saputo che nel primo anno della sua detenzione, quando era recluso nel penitenziario umbro, Provenzano è stato invece monitorato 24 ore su 24 dalla videosorveglianza.

Che cosa è accaduto nell’aprile del 2007, quando il boss è stato trasferito a Novara? Chi ha deciso che la telecamera in cella non era più necessaria? E perché? Sono le domande alle quali dovrà dare una risposta il pm di Palermo Nino Di Matteo, titolare dell’indagine sul misterioso tentativo di suicidio di Provenzano e sulla successiva caduta del capomafia dalla branda della sua cella, anche alla luce di alcune misteriose vicende che hanno accompagnato la detenzione di Binnu a partire dal giorno della sua cattura, avvenuta nel corleonese l’11 aprile del 2006.

La prima è la notizia pubblicata su La Repubblica, dopo l’arresto del boss, secondo la quale Giovanni Riina, figlio di Toto’ ‘’u curtu’’, all’entrata di Provenzano nel carcere di Terni, avrebbe esclamato: “Questo sbirro qui l’hanno portato?”. La notizia si rivelò totalmente falsa, e Massimo Ciancimino (che se ne assunse la paternità) spiegò che era stato il signor Franco – il misterioso 007 che avrebbe monitorato la trattativa Stato-mafia – a rivelargliela, con preghiera della massima diffusione. La seconda riguarda le numerose pressioni arrivate al magistrato Sebastiano Ardita, ex capo dell’ufficio detenuti del Dap, per spostare Provenzano dal carcere di Terni.

Deponendo al processo Mori, Ardita ha raccontato che già nelle ore immediatamente successive all’arresto di Binnu, alcuni funzionari del Gom (il Gruppo operativo mobile della Polizia penitenziaria) gli consigliarono di sistemare Provenzano nel carcere de L’Aquila, dove era detenuto il boss Piddu Madonia. “Si formò un vero e proprio carteggio sulla mia scrivania – ha detto Ardita – con richieste di trasferimento di Provenzano’’.

La terza vicenda riguarda la diffusione, sui quotidiani, di un’altra circostanza non vera: e cioè che al boss corleonese fosse stata servita una torta di compleanno. “Notizia anche questa falsa – ha commentato Ardita –perché si trattava di una crostatina piccola, confezionata dal Mulino Bianco e servita a tutti i detenuti nel menù di quel giorno”. A quel punto, però, il boss mafioso venne trasferito a Novara. Da allora nessuna telecamera lo ha più controllato in cella. Risultato? Il “giallo” del tentato suicidio e le circostanze della sua caduta dalla branda, sostengono gli inquirenti, diventano ora “inaccertabili”, almeno sotto il profilo della prova-video.

www.ilfattoquotidiano.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

8 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

9 Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

3 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto