Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Nicolò Amato: venni cacciato dalla mafia e Conso "commissariato" da Mancino

Notizia del 08/02/2012 - PALERMO

Nicolò Amato: venni cacciato dalla mafia e Conso "commissariato" da Mancino

letto 2861 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Rivela la sua proposta, «caduta nel limbo dell'indifferenza» di estendere il carcere duro a più di 5000 detenuti per reati di mafia, descrive l'ex Guardasigilli, Giovanni Conso, come «commissariato» da Nicola Mancino, all'epoca a capo del Viminale, e definisce la sua sostituzione al dap una «cacciata» voluta da Cosa nostra.

A parlare è Nicolò Amato, ex direttore delle carceri italiane, che racconta, in un'intervista di Walter Molino pubblicata sul sito di Servizio Pubblico (www.serviziopubblico.it), la sua esperienza al Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria nel periodo delle stragi di capaci e via D'Amelio. In un documento, acquisito dai pm di Palermo che indagano sulla trattativa tra Stato e mafia, Amato individuava 121 carceri e sezioni di penitenziari in cui applicare il regime del carcere duro: «Era una soluzione efficace - spiega - ogni mafioso arrestato l'avrei potuto mandare subito al 41bis senza aspettare i singoli decreti. Il ministro Martelli però stranamente girò la mia proposta a Liliana Ferraro, che dopo la morte di Falcone dirigeva gli Affari Penali.

Sia lei che l'ufficio legislativo espressero riserve, e Martelli non rispose alle mie ulteriori sollecitazioni». Sull'applicazione del carcere duro nel biennio stragista '92-'93 Amato chiama in causa anche l'ex ministro degli Interni Nicola Mancino. «Quando Conso subentrò a Martelli - dice - io lo rimproveravo perchè sull'applicazione di alcuni 41bis che io gli avevo chiesto, lui aveva interpellato Mancino. 'Giovanni, gli dicevo, ma queste cose le dobbiamo decidere noi, perchè le dobbiamo chiedere?»'.

Amato ricoprì l'incarico di direttore del Dap per 11 anni, poi il 4 giugno 1993 fu improvvisamente sostituito con Adalberto Capriotti. «Fu la mafia a volere la mia destituzione. Nel febbraio '93 un gruppo anonimo di mafiosi scrisse una lettera al presidente Scalfaro in cui dicevano di farla finita con Amato e i suoi squadristi. Pochi giorni prima della mia cacciata il presidente Scalfaro convocò al Quirinale l'ispettore dei cappellani don Curioni e il suo segretario don Fabio e disse loro: Basta con Amato!.

In pochi mesi i detenuti di mafia al 41bis, da 1300 si ridussero a circa 536». Alla domanda se abbia mai saputo di una trattativa tra mafia e Stato Amato risponde, però, «fin quando sono stato al Dap, no».

http://www.antimafiaduemila.com

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”