Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Nicolò Amato: venni cacciato dalla mafia e Conso "commissariato" da Mancino

Notizia del 08/02/2012 - PALERMO

Nicolò Amato: venni cacciato dalla mafia e Conso "commissariato" da Mancino

letto 2796 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Rivela la sua proposta, «caduta nel limbo dell'indifferenza» di estendere il carcere duro a più di 5000 detenuti per reati di mafia, descrive l'ex Guardasigilli, Giovanni Conso, come «commissariato» da Nicola Mancino, all'epoca a capo del Viminale, e definisce la sua sostituzione al dap una «cacciata» voluta da Cosa nostra.

A parlare è Nicolò Amato, ex direttore delle carceri italiane, che racconta, in un'intervista di Walter Molino pubblicata sul sito di Servizio Pubblico (www.serviziopubblico.it), la sua esperienza al Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria nel periodo delle stragi di capaci e via D'Amelio. In un documento, acquisito dai pm di Palermo che indagano sulla trattativa tra Stato e mafia, Amato individuava 121 carceri e sezioni di penitenziari in cui applicare il regime del carcere duro: «Era una soluzione efficace - spiega - ogni mafioso arrestato l'avrei potuto mandare subito al 41bis senza aspettare i singoli decreti. Il ministro Martelli però stranamente girò la mia proposta a Liliana Ferraro, che dopo la morte di Falcone dirigeva gli Affari Penali.

Sia lei che l'ufficio legislativo espressero riserve, e Martelli non rispose alle mie ulteriori sollecitazioni». Sull'applicazione del carcere duro nel biennio stragista '92-'93 Amato chiama in causa anche l'ex ministro degli Interni Nicola Mancino. «Quando Conso subentrò a Martelli - dice - io lo rimproveravo perchè sull'applicazione di alcuni 41bis che io gli avevo chiesto, lui aveva interpellato Mancino. 'Giovanni, gli dicevo, ma queste cose le dobbiamo decidere noi, perchè le dobbiamo chiedere?»'.

Amato ricoprì l'incarico di direttore del Dap per 11 anni, poi il 4 giugno 1993 fu improvvisamente sostituito con Adalberto Capriotti. «Fu la mafia a volere la mia destituzione. Nel febbraio '93 un gruppo anonimo di mafiosi scrisse una lettera al presidente Scalfaro in cui dicevano di farla finita con Amato e i suoi squadristi. Pochi giorni prima della mia cacciata il presidente Scalfaro convocò al Quirinale l'ispettore dei cappellani don Curioni e il suo segretario don Fabio e disse loro: Basta con Amato!.

In pochi mesi i detenuti di mafia al 41bis, da 1300 si ridussero a circa 536». Alla domanda se abbia mai saputo di una trattativa tra mafia e Stato Amato risponde, però, «fin quando sono stato al Dap, no».

http://www.antimafiaduemila.com

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

7 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia