Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Nuove BR scrivono ai no TAV, direzione del carcere: i due brigatisti possono scrivere quello che vogliono a chi vogliono

Polizia Penitenziaria - Nuove BR scrivono ai no TAV, direzione del carcere: i due brigatisti possono scrivere quello che vogliono a chi vogliono


Notizia del 22/09/2013 - CATANZARO
Letto (2274 volte)
 Stampa questo articolo


Sono detenuti nel carcere di Catanzaro (località Siano) e non hanno la loro corrispondenza sottoposta a controlli i due esponenti delle Nuove Br, Alfredo Davanzo e Vincenzo Sisi, che con un messaggio inviato ai No Tav sono entrati "a gamba tesa" nei fatti della Val di Susa.

L'invito che i due brigatisti, in carcere dal 2007 con l'accusa di essere esponenti del Partito comunista politico-militare, hanno rivolto ai No Tav a fare compiere alla loro azione "un passo avanti" oppure "arretrare", con una sollecitazione implicita a dare una connotazione terroristica alla loro battaglia, pur se respinto dai contestatori della linea ferroviaria veloce Torino-Lione, che lo hanno definito "una provocazione", ha ugualmente dell'inquietante.

Dal carcere di Catanzaro, in un settore nel quale sono ospitati alcuni dei terroristi considerati a più alta pericolosità, non trapela alcun particolare sulle modalità con le quali Davanzo e Sisi sono riusciti a fare "uscire" il loro messaggio. In questo senso, comunque, non essendoci notizie certe, si ragiona per ipotesi.

E una di queste è che i due esponenti delle Nuove Br, essendo la loro corrispondenza non sottoposta a controlli, abbiano scritto ad un loro conoscente inviandogli il messaggio per i No Tav e incaricandolo di postarlo sul sito "Secours Rouge International", dove così ha avuto la sua visibilità. Non ci sarebbe nulla di misterioso o di rilevante, secondo fonti del carcere, in quanto è avvenuto proprio perché Davanzo e Sisi possono scrivere quel che vogliono a chi vogliono.

Si tratta di capire adesso se l'iniziativa intrapresa dai due brigatisti possa avere conseguenze sul piano penale. La Procura della Repubblica di Catanzaro, non avendo ricevuto alcuna comunicazione formale circa il "messaggio" inviato dai due brigatisti, non ha avviato alcuna inchiesta e non ha affidato, almeno per il momento, alcuna delega d'indagine, alla polizia giudiziaria. Il riserbo nel caso specifico, trattandosi di materia particolarmente delicata e difficile, è massimo. Nulla esclude, comunque, che quanto pubblicato dalla stampa su questa vicenda, rappresentando a tutti gli effetti "notizie criminis", possa fare scattare una specifica indagine.

Ansa

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CALABRIA
Statistiche carceri Regione Calabria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

3 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

4 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

5 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

6 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere

7 Catturato il detenuto marocchino che non era rientrato a Mamone dopo il lavoro esterno

8 Niente ventilatori nel carcere di Sollicciano: la rete elettrica del carcere non reggerebbe

9 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

10 Due detenuti non rientrano dai permessi nel carcere minorile di Torino


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

5 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

6 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto