Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Nuovi (pochi) fondi per la Polizia Penitenziaria decisi dal Ministro Orlando tra quelli stanziati per il processo telematico

Polizia Penitenziaria - Nuovi (pochi) fondi per la Polizia Penitenziaria decisi dal Ministro Orlando tra quelli stanziati per il processo telematico


Notizia del 14/05/2015 - ROMA
Letto (1170 volte)
 Stampa questo articolo


Fermare gli avanzamenti del Processo civile telematico. E prendere atto che ci sono tali e tanti problemi infrastrutturali, che la digitalizzazione del processo civile rischia di trasformarsi in un boomerang. È molto severo il Consiglio superiore della magistratura. Dopo una attenta ricognizione, il Csm ha ammonito il ministero della Giustizia che il Processo civile telematico, così com’è, non va.  

Certo, l’idea è ottima. «È un innegabile elemento di modernizzazione del sistema giudiziario e uno strumento irrinunciabile». Ma non si può fare finta che tutto vada bene: il personale non è stato adeguatamente formato, i computer sono spesso obsoleti, le linee sovraccariche. Il risultato è che «la promessa velocizzazione delle cause ha indiscutibilmente fatto i conti con l’impiego di risorse inadeguate in termini di hardware, assistenza tecnica e capacità di tenuta delle linee».  

Occorrono soldi, insomma. E guarda caso, poche ore dopo la staffilata del Csm, il ministero emette un comunicato per informare che «il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha firmato nei giorni scorsi il decreto di variazione di bilancio».  

Dal Fondo unico giustizia (alimentato con le confische giudiziarie) arriveranno 30 milioni di euro per «lo sviluppo e implementazione del processo telematico (19,53 milioni), il rafforzamento delle misure di sicurezza degli uffici giudiziari (3 milioni), il potenziamento degli Uffici per la esecuzione penale esterna (0,5 milioni), il miglioramento delle strutture penitenziarie (3 milioni) e l’ammodernamento degli automezzi destinati al trasporto dei detenuti (2,5 milioni) nonché per garantire lo svolgimento delle missioni nazionali del personale del Corpo di Polizia Penitenziaria (2 milioni)».  

Con 19,5 milioni, insomma, il ministro Orlando corre ai ripari per salvare il Processo civile telematico. La lista della spesa, in fondo, è quella del Csm: «Occorrono non solo pc, scanner e video di dimensioni sufficienti», ma anche stampanti veloci individuali e tutto ciò che serve per meglio gestire l’udienza come «doppi monitor e tastiere aggiuntive».  

Bisogna mettere mano alla «lentezza delle reti e dei sistemi», se non peggio alle «continue interruzioni nella fornitura dei servizi». Guai a sottovalutare la manutenzione: «la maggiore emergenza» denunciata dagli uffici giudiziari è la «inadeguatezza dell’assistenza», affidata a operatori esterni all’amministrazione, i cui interventi sono «spesso del tutto intempestivi» rispetto alle richieste e «non risolutivi». E poi serve personale giovane e all’altezza della sfida tecnologica: è perciò «fondamentale» assumere «nuovo e qualificato personale amministrativo», visto che il blocco del turn-over ha avuto l’effetto di chiudere le porte ai giovani che hanno maggiore dimestichezza con le nuove tecnologie.  

Serve poi l’aggiornamento dei dipendenti già in servizio per tutti i giudici civili. In attesa di strumenti più evoluti, secondo il Csm va mantenuto il fascicolo cartaceo come strumento «imprescindibile» per garantire al giudice lo studio accurato degli atti e andrebbe rinviata la scadenza del 30 giugno per la digitalizzazione (che per ora vale solo per i tribunali di primo grado) nelle Corti di appello. Già, perché il responso è grave: «Si è ancora molto lontani dalla creazione del fascicolo telematico pensato e voluto dal legislatore».

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

8 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Dal servizio di sentinella al sistema di videosorveglianza. Ma la tecnologia, da sola, non basta