Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Oltre quarantamila detenuti sensibili al richiamo integralista islam: rapporto choc francese

Polizia Penitenziaria - Oltre quarantamila detenuti sensibili al richiamo integralista islam: rapporto choc francese


Notizia del 24/10/2014 - ESTERO
Letto (1426 volte)
 Stampa questo articolo


Un rapporto sull’Islam radicale nelle carceri francesi rivela che ci sarebbero almeno 40 mila detenuti sensibili alle istanze dell’Isis. Il 60% della popolazione carceraria in Francia può essere considerata come di cultura islamica e la radicalizzazione islamica è probabile per diverse centinaia di altri prigionieri. E’ la conclusione del rapporto redatto dal deputato dell’UMP William Larrive che si occupa del bilancio dell’amministrazione penitenziaria per il 2015. Si dice a favore di “una terapia d’urto per l’anti-radicalizzazione verso i detenuti” dal momento che oggi si vedono i frutti di un’attività di proselitismo che l’amministrazione penitenziaria aveva evidenziato già dal 2008.

Ecco che dopo la notizia di due giorni fa, secondo cui la Tunisia è stata classificata come il Paese che più di tutti invia combattentitra i militanti dell’Isis, oggi ad aumentare la tensione in Europa ci pensa questo report d’oltralpe. Larrive ricorda che nelle carceri francesi i segnali verso l’esterno di una accentuata radicalizzazione sono quasi completamente scomparsi, lasciando il posto ad un proselitismo molto più discreto, sottotraccia “e quindi più difficile da individuare”. Si tratta secondo il deputato dell’Ump di una “strategia di occultamento già teorizzata in passato da alcuni radicali”.

Le Figaro l’ha definito come il “flagello” dell’Islam radicale nelle carceri. Che lo sia lo dimostra il caso del ministro degli interni,Bernard Cazeneuve, autore del disegno di legge sulla lotta contro il terrorismo, che prevede tra le altre cose un ordine di blocco amministrativo ai siti internet che glorificano il terrorismo ed un’analisi approfondita proprio negli istituti carcerari ad alta densità di detenuti con origini islamiche o in contatto con gruppi salafiti. Secondo fonti francesi gli inquirenti stanno monitorando i processi di cristallizzazione religiosa che si attuano proprio perché in contatto ravvicinato con i gruppi più fanatici. Un caso su cui si è espresso pubblicamente anche François Molins, procuratore capo di Parigi, che parla di proselitismo di natura estremista.

Ad oggi, sono circa 150 gli islamisti radicali individuati che operano per incrementare l’attività di proselitismo nelle carceri francesi, come risulta dal rapporto confidenziale fornito dall’Amministrazione Penitenziaria pubblicato da Le Figaro già dal2008. I gruppi terroristici usano molti forum e siti web per cercare di reclutare sostenitori, ha detto pubblicamente nei mesi scorsi lo stesso Cazeneuve: è la ragione per cui i servizi sono stati a lungo allertati per monitorare siti discutibili e comunicazioni riguardanti le carceri. Tuttavia è sbagliato dire che il reclutamento avverrebbe “esclusivamente” su Internet: secondo il ministro, diversi casi recenti mostrano che i candidati pro jihad sono avvicinati anche da rapporti di vicinato specialmente in carcere, dove si radicalizzano alcuni detenuti.

ilfattoquotidiano.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

3 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

4 La foto del Detenuto Evaso dall''Ospedale di Sanremo. Intanto il Sappe chiede le dimissioni del direttore

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore