Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Omicidi di mafia ordinati dal carcere di Parma

Polizia Penitenziaria - Omicidi di mafia ordinati dal carcere di Parma


Notizia del 22/04/2014 - PARMA
Letto (4366 volte)
 Stampa questo articolo


Sarà anche di massima sicurezza, duro, durissimo, con l’isolamento e il 41bis, eppure al suo interno i boss continuano a comandare, perfino ad ordinare esecuzioni: a nominare i loro vicari e successori. La retata di mafiosi realizzata dai carabinieri appena prima di Pasqua a Palermo è stata il risultato di intercettazioni fatte all’interno del carcere di Parma. Sì, per capire cosa sta facendo la mafia, gli inquirenti siciliani devono venire ad ascoltare i detenuti in Via Burla a Parma.

È il procuratore di Palermo Francesco Messineo a raccontare i particolari di un’inchiesta durata mesi. Svolta non a Palermo, ma nel penitenziario parmigiano. Per mesi i carabinieri hanno intercettato le comunicazioni di Giovanni Di Giacomo, padrino del rione palermitano di Porta Nuova, in carcere in Emilia.

Utilizzando un linguaggio cifrato, fra colloqui e scritti, Di Giacomo da Parma ha deciso chi dovesse sostituirlo a capo del clan ed ha ordinato una serie di omicidi.

Il suo successore doveva essere il fratello Giuseppe, la cui affermazione Giovanni ha seguito passo passo dalla cella, fino al 13 marzo scorso, quando Giuseppe è stato ucciso. Dal carcere, il boss ha allora ordinato un’inchiesta e in cella ha svolto il processo, condannando a morte coloro che ha ritenuti responsabili dell’uccisione del fratello, Vittorio Emanuele Lipari, che Di Giacomo considerava un amico, ma che mirava al controllo del clan.

Tutto questo impartendo ordini e ricevendo risposta via fax e telegramma, oltre che nei colloqui, ma forse anche discutendo con altri personaggi eminenti della mafia all’interno del penitenziario, come mostrerebbe un’intercettazione in cui il detenuto diceva al fratello che a sceglierlo come nuovo capo sono stati “noi altri”, ovvero i boss detenuti.

A fare scattare l’operazione è stato proprio un telegramma, così stringato da parere proprio nascondere un significato nascosto: “Caro Gianni la salute del bambino tutto bene. In un unico abbraccio ti siamo vicini”. Telegramma ricevuto in Via Burla nell’agosto dell’anno scorso. Qui sono iniziate le intercettazioni, poi allargate anche ad alcuni pranzi di famiglia in ristoranti palermitani, che hanno permesso di ricostruire tutta la vicenda.

L’esito sono stati otto arresti tre giorni fa, impedendo così le esecuzioni ordinate da Di Giacomo.

parmaquotidiano 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?