Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Omicidio ed evasione, ma Domenico Cutrì potrebbe uscire dal carcere fra soli cinque anni

Polizia Penitenziaria - Omicidio ed evasione, ma Domenico Cutrì potrebbe uscire dal carcere fra soli cinque anni


Notizia del 17/01/2016 - VARESE
Letto (1489 volte)
 Stampa questo articolo


Dal carcere a vita a ventisei anni di reclusione. La rocambolesca vicenda giudiziaria, e non solo giudiziaria, di Mimmo Cutrì si è conclusa dieci anni dopo davanti alla suprema Corte di Cassazione di Roma, che ha messo la parola fine con una sentenza definitiva che fa giustizia dell’omicidio del giovane polacco Lukasz Kobrzeniecki ucciso a colpi di pistola a ventidue anni nell’estate del 2006. Colpevole agli occhi di Mimmo Cutrì – assieme al fratello Nino, già allora due teste calde in quel di Inveruno – di avere insidiato la sua fidanzata di allora.

Una colpa, secondo il suo particolare codice d’onore, da punire con la morte. Mimmo Cutrì arriva, secondo la prima tesi accusatoria che gli procurerà il carcere a vita, a procurarsi un killer amico per freddare il giovane. Un delitto avvenuto in strada, con Mimmo e il killer che in macchina affiancano il polacco e sparano. Sarà proprio quell’elemento, l’essere stato il mandante spietato di un omicidio motivato da dei futili motivi a spingere i giudici della corte d’assise di Novara, prima, e quelli d’assise d’appello di Torino, poi, a infliggergli il massimo della pena nel dicembre 2012. Una condanna pesantissima. Mai accettata non solo dal diretto interessato, evidentemente, ma anche dal clan di Mimmo formato dagli amici delle scorribande e ancora di più dai due fratelli Nino e Daniele che arriveranno a maturarare quella vendetta che prenderà corpo il 3 febbraio 2014.

Quando una sparatoria davanti al tribunale di Gallarate si concluderà con l’evasione di Mimmo e una latitanza – improvvisata e sconclusionata – finita nemmeno una settimana dopo (leggi l'articolo). Ma è proprio all’indomani di questa vicenda che Mimmo, messo sotto torchio dal pubblico ministero Raffaella Zappatini di Busto Arsizio, decide improvvisamente di confessare: ammette d’essere stato l’esecutore di quel delitto, non il mandante. Di avere sparato lui, insomma. Una ritrattazione eclatante che fa giocoforza decadere la sentenza di ergastolo. La Cassazione riapre dunque il processo e rinvia tutto a un’altra sezione d’appello di Torino. Che nel marzo del 2015 riformula la condanna a 26 anni di penitenziario.

Cutrì per l’evasione del 2014 sta già scontando due anni frutto di una sentenza di patteggiamento. A questi si aggiungono dunque i 26 per l’omicidio. "Facendo un calcolo in questo primo momento sommario fra quattro o cinque anni Mimmo Cutrì potrebbe già godere dei primi permessi fuori dal carcere concessi dalla legge, considerando che ha già scontato sette anni e mezzo e calcolati gli sconti e i benefici", spiega l’avvocato Francesca Cramis, che assieme al collega Roberto Grittini ha seguito l’iter giudiziario del giovane oggi trentatreenne. 

ilgiorno.it

Finisce la fuga del l'ergastolano Cutrì, catturato con un complice nella notte

 

Evasione Domenico Cutrì: tutti i video dei TG

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

2 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

3 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

4 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

5 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

6 Erika Stefani, Lega: basta svuota carceri, da Gentiloni ennesimo regalo ai criminali

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

9 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative

10 Sfiorata la sommossa nel carcere di Larino


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Transito a ruolo civile. È legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

3 Gruppo Operativo Mobile: Perché? Perché? Perché? Perché?

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Ma chi siamo?

6 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

7 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia