Se servirà a fare chiarezza sui fatti, è giusto che Salvatore Parolisi rimanga in carcere. Che il marito di Melania Rea, unico indagato al momento per il suo omicidio, debba ri" />

  Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Omicidio Rea - Il fratello di Salvatore Parolisi lancia un appello " Salvatore Basta omertà"

Notizia del 21/08/2011 - ROMA

Omicidio Rea - Il fratello di Salvatore Parolisi lancia un appello " Salvatore Basta omertà"

letto 2096 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

 Se servirà a fare chiarezza sui fatti, è giusto che Salvatore Parolisi rimanga in carcere. Che il marito di Melania Rea, unico indagato al momento per il suo omicidio, debba rimanere dietro le sbarre non è l’opinione unicamente del giudice che ne ha disposto l’arresto. A pensarla così, stranamente, è proprio il fratello di Salvatore, Rocco  Parolisi. Che, intervistato da Il Corriere della Sera, dice la sua sulla vicenda. Lui è un agente della polizia penitenziaria. Ha dieci anni in più di Salvatore e, nei suoi confronti, si è sempre rivelato come un secondo padre. Non si dà pace. Non capisce. Perché il fratello non si è mai confidato con lui? Perché, in particolare, non gli ha mai raccontato dei suoi problemi con Melania e del tradimento con Ludovica?  Salvatore, continua il fratello, se ha fatto un errore, sicuramente è quello di aver avuto un atteggiamento omertoso. Dopo l’omicidio ha tenuto per sé tutto ciò che sapeva, tacendo, agli inquirenti, la sua relazione con Ludovica, insieme ad altri particolari, il che, agli occhi di tutti, lo ha trasformato in un bugiardo. Resta quindi da vedere cosa avrà da raccontare, domani, al tribunale del riesame dell’Aquila, dove si presenterà per delle dichiarazioni spontanee. Dal carcere di Teramo di Castrogno,  dove è rinchiuso, infatti, ha lavorato per 4 ore con i suoi avvocati, Walter Biscotti e Nicodemo Gentile, alla «corposissima memoria difensiva» di 150 pagine da presentare domani, quando il Tribunale si pronuncerà sulla richiesta di scarcerazione. Sono in molti, tuttavia, a reputare quasi certa una convalida del fermo. Quello che emergerà avrà comunque, con ogni probabilità, un impatto dirompente sul caso. Per la prima volta dall’assassinio della moglie, Parolisi racconterà la sua versione dei fatti ai magistrati, rompendo il silenzio dietro il quale si era, sino ad oggi, trincerato avvalendosi della facoltà di non rispondere. I dettagli delle sue rivelazioni sono, al momento, top secret. Unica cosa certa, come hanno riferito i suoi legali, sarà smontata punto per punto la tesi accusatoria. Gli avvocati hanno spiegato di aver analizzato ogni riga dell’ordinanza, contestandone ogni dettaglio.
 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

9 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico