Il ragazzo, già conosciuto dalle forze dell’ordine per alcuni suoi precedenti penali che hanno fatto respingere  la domanda di rinnovo del pe" />

  Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Operazione antidroga porta all’arresto di un albanese grazie ai cani della Polizia Penitenziaria.

Notizia del 23/04/2011 - FROSINONE

Operazione antidroga porta all’arresto di un albanese grazie ai cani della Polizia Penitenziaria.

letto 1765 volte)

 Stampa questo articolo         Condividi

Fermato nel pomeriggio di ieri dagli uomini della Squadra Mobile un giovane pregiudicato albanese.

Il ragazzo, già conosciuto dalle forze dell’ordine per alcuni suoi precedenti penali che hanno fatto respingere  la domanda di rinnovo del permesso di soggiorno, alla richiesta di un controllo presso la sua abitazione ha cercato di depistare i poliziotti fingendo di non avere le chiavi e indirizzando gli operatori presso un appartamento diverso dal suo che si trovava sullo stesso pianerottolo.
A questo punto, l’attività svolta è stata coadiuvati dai cani antidroga della Polizia Penitenziaria, che immediatamente si dirigevano verso la porta della vera abitazione dell’albanese.
I poliziotti effettuavano la perquisizione dell’appartamento rinvenendo un bilancino per dosare le singole quantità da spacciare, nonché 4,35 gr. di cocaina e 0,35 gr. di hashish.
Il sequestro delle sostanze e l’arresto del giovane colpevole del reato di detenzione ai fini dello spaccio è stato frutto di  un’intensa attività di contrasto e prevenzione del fenomeno sul territorio frusinate.
 
STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia

2 Dopo 32 anni la pistola Beretta va in pensione: gli USA firmano contratto con la Sig Sauer

3 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

4 Tentano di fare sesso nella sala colloqui del carcere di Pisa: denunciati dalla Polizia Penitenziaria

5 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

6 Cinofili Polizia Penitenziaria trovano droga all''interno del carcere modello di Milano Bollate

7 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

8 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

9 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

10 Agente penitenziario libero dal servizio blocca detenuto che stava per evadere dal permesso


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

7 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

8 Corruzione a Rebibbia: NIC Polizia Penitenziaria e Squadra Mobile Polizia di Stato arrestano due agenti e un detenuto

9 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera