Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
operazione antidroga “silenzio stampa” Polizia Penitenziaria campania

Polizia Penitenziaria - operazione antidroga “silenzio stampa” Polizia Penitenziaria campania


Notizia del 26/12/2014 - NAPOLI
Letto (2626 volte)
 Stampa questo articolo


Si è conclusa in queste ore la vasta operazione denominata “Silenzio Stampa” che ha visto impegnati i Reparti di Polizia di Napoli Poggioreale, Napoli Secondigliano, Napoli Palazzo di Giustizia, Santa Maria Capua Vetere e Benevento. 

 I Funzionari di Polizia Comandanti di Reparto e l’Ufficio Sicurezza Polizia Penitenziaria -Nucleo Regionale Cinofili Campania- hanno strutturato una rete di controlli atti ad impedire l’introduzione e lo spaccio di droghe all’interno delle carceri della Regione. Le attività di Polizia Giudiziaria sono iniziate a metà novembre e sono terminate in queste ultime ore. Il dato emerso è davvero sconcertante ed evidenzia la professionalità dei Baschi Azzurri nel contrastare la criminalità organizzata. Nonostante la presenza dell’antidroga sia ormai una costante nei reparti penitenziari, alcuni detenuti e loro familiari non demordono e tentano, con qualsiasi stratagemma, di spacciare stupefacenti. Nel Nuovo Complesso di Secondigliano e nel Penitenziario di Benevento sono stati differiti all’Autorità Giudiziaria diversi detenuti che godevano della “Semilibertà”, misura alternativa alla detenzione. Questi venivano bloccati dai cani antidroga Buk, Peppe, Anja e Zolly. I detenuti, nel rientro serale, portavano droga all’interno dei reparti con l’intento di spacciarlo ad altri detenuti. Sempre nel C.P. di Napoli Secondigliano un giovane ragazzo, familiare di un detenuto, veniva segnalato da Umea ed assicurato alla Giustizia per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. Nella Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere, i cani Umea, Ulla e Peppe consentivano tre sequestri di stupefacenti. Le persone coinvolte venivano differite alle Autorità. Nei controlli effettuati nel Palazzo di Giustizia due tossicodipendenti, bloccati dai cani poliziotto Buk e Zolly venivano differiti all’Autorità Prefettizia a seguito del sequestro delle droghe che detenevano. Il colpo di grazia è stato inferto agli spacciatori di Poggioreale. La Polizia Penitenziaria del Reparto “Giuseppe Salvia” e i Cinofili di Benevento hanno arrestato una donna sessantenne, madre di un giovane detenuto. La donna ed i detenuti avevano in mente un complesso progetto di traffico di droga all’interno delle mura carcerarie. Sono stati i Pastori Tedeschi Barry e Zolly, del Distaccamento di Benevento, a rovinare gli intenti di questa madre “di pochi valori” e dei detenuti di Poggioreale. La donna voleva consegnare la droga al figlio durante i colloqui, servendosi ovuli vaginali, e lo stesso figlio detenuto avrebbe pensato a spacciarla nelle sezioni. All’atto dell’accesso al Settore Colloqui però, Barry bloccava la donna indicandola come corriere di stupefacenti. Immediati gli accertamenti che consentivano di rinvenire un ovulo vaginale, appunto nelle parti intime della donna. A seguito di tali circostanze il Comandante della Polizia Penitenziaria di Napoli Poggioreale disponeva anche la perquisizione della casa della donna, sita in un quartiere di Napoli Secondigliano. Nella casa sarà il cane antidroga Zolly a far rinvenire un notevole quantitativo di hashish, già diviso in dosi per essere spacciato. La donna, giudicata per direttissima, è stata condannata a due anni di reclusione ed i detenuti coinvolti rinviati a giudizio per gli atti criminosi posti in essere durante lo stato di detenzione.


tvsette
 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

9 Detenuto tunisino accusa dieci Agenti penitenziari di lesioni a San Vittore. E'' in carcere per tentato omicidio e accusò altri Agenti di Velletri

10 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Esuberi personale di Polizia Penitenziaria, dubbi sulla gestione del DAP. Interrogazione parlamentare di Maurizio Gasparri

2 Carceri, mille leggi per un solo risultato: torna il sovraffollamento

3 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

4 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

5 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

6 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

7 E'' meglio scegliere a chi dare la colpa che cercare le cause del disastro penitenziario

8 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

9 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

10 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?